Dona Adesso

Sant’Egidio: “Non abituiamoci alla strage degli innocenti”

La Comunità propone l’apertura di canali umanitari per evitare le traversate del Mediterraneo

“È doloroso constatare che l’Europa e l’intera comunità internazionale non riescano a evitare la strage continua di intere famiglie nel Mediterraneo. Invece di litigare per le doverose quote di accoglienza o, addirittura, proporre muri per difendersi da presunte invasioni, occorre intervenire al più presto per evitare che il numero delle vittime assomigli sempre più al bilancio di una vera e propria guerra, combattuta da disperati che hanno la sola colpa di essere nati in Paesi in cui regna la violenza e la fame”. È quanto si legge in una nota della Comunità di Sant’Egidio.

L’organizzazione non governativa lancia poi un forte appello “perché non ci si abitui al bollettino quotidiano delle stragi del mare”.

Per evitare le traversate a rischio di morte, Sant’Egidio suggerisce di: 1) aprire canali umanitari dall’Africa e dal Medio Oriente; 2) concedere permessi per motivi umanitari.

“Al tempo stesso – prosegue la nota – è necessario incrementare, con tutti gli strumenti possibili, le trattative per giungere ad alcune tregue localizzate – premessa della pace – nei Paesi interessati dai conflitti, con la mediazione della comunità internazionale, a partire dagli Stati più coinvolti nelle diverse aree di crisi. Ricordiamo a tutti che la vera emergenza non sono i profughi, che continuano a morire, ma le guerre che li fanno partire da Paesi come la Siria in cui vivere diventa sempre più difficile se non impossibile”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione