Dona Adesso

Salvi i 75 militari filippini sequestrati sul Golan

Lo annuncia il Ministero della Difesa delle Filippine. 40 di loro sono riusciti a mettersi in salvo dopo uno scontro a fuoco con gli islamisti durato sette ore

I 75 militari filippini della Forza delle Nazioni Unite braccati dagli islamisti sulle alture del Golan sono riusciti a mettersi tutti in salvo. Ad annunciarlo è il ministro della Difesa di Manila, Voltaire Gazmin, il quale ha spiegato che un primo gruppo di 35 soldati è stato evacuato con mezzi blindati, mentre gli altri 40 soldati hanno affrontato i miliziani in uno “scontro a fuoco durato sette ore”.

Al termine dello scontro armato, approfittando della notte, i militari delle Filippine hanno raggiunto a piedi una postazione Onu situata a 2 chilometri da loro. Una volta raggiunta, il luogotenente-colonnello Ramon Zagala ha potuto comunicare: “Sono tutti al sicuro. Abbiamo lasciato la nostra posizione ma abbiamo portato con noi tutte le nostre armi”. Tra i soldati filippini sequestrati c’era anche un sacerdote cappellano militare, del quale il vescovo e ordinario militare delle Filippine, mons. Leopoldo S. Tumulak, non aveva voluto rivelare il nome.

I caschi blu impiegati sulle alture del Golan sono 1.223 e provengono da sei Paesi (India, Fiji, Filippine, Irlanda, Paesi Bassi e Nepal) ed hanno un mandato rinnovato per sei mesi, fino al 31 dicembre 2014. Sono ancora nelle mani dei miliziani i 44 caschi blu delle Fiji. “Questi uomini sono ‘peacekeeper’ non belligeranti nel conflitto siriano, niente giustifica la loro detenzione”, ha detto il premier delle Fiji, Vorege Bainimarama.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione