Dona Adesso
Prayer

Pixabay CC0 - geralt

Sabato Santo: su Raiuno va in onda una storia di conversione

Il cortometraggio Il grido, promosso dal Cor Unum, racconta di un tossicodipendente guarito dalla misericordia di Dio, grazie a Nuovi Orizzonti

Sabato 26 marzo, alle ore 11, nell’ambito della trasmissione di Raiuno Il Giubileo di Francesco, verrà trasmesso un cortometraggio intitolato Il grido.

Il film, promosso dal Pontificio Consiglio “Cor Unum” e diretto dalla regista Lia G. Beltrami, è stato realizzato dalla società di produzione cinematografica Aurora Vision, con la collaborazione dell’Arcidiocesi di Trento, e vede la partecipazione della montatrice Simona Paggi.

Attraverso luoghi, immagini e parole, vi si racconta la storia vera della conversione di Paolo Zanni, per anni tossicodipendente e spacciatore, che ha vissuto anche l’esperienza del carcere, guarito dalla misericordia di Dio e recuperato a una nuova vita grazie all’opera di Chiara Amirante e alla Comunità Nuovi Orizzonti.

Il grido, che è stato girato in alcune zone della provincia di Frosinone e presso il Centro di Nuovi Orizzonti a Cittadella (FR), rientra in un percorso di altre brevi opere cinematografiche dal titolo Carità e misericordia: la condivisione nelle periferie dell’esistenza, attraverso le quali – come chiesto da Papa Francesco con l’indizione del Giubileo della Misericordia – si cercherà di riscoprire le opere di misericordia corporale e spirituale, mettendole in relazione con il senso della carità cristiana.

Il film in onda il 26 marzo vuole comunicare e rappresentare l’opera di misericordia spirituale, “ammonire i peccatori”, sapendo che, ha detto il Santo Padre nell’udienza del 10 settembre 2014, “tutti abbiamo la capacità di peccare e di fare lo stesso, di sbagliare nella vita” ma “la misericordia supera ogni muro, ogni barriera, e ti porta a cercare sempre il volto dell’uomo, della persona. Ed è la misericordia che cambia il cuore e la vita, che può rigenerare una persona e permetterle di inserirsi in modo nuovo nella società”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione