Dona Adesso

Ricordando l’epopea dei monaci irlandesi…

A Grottammare, questa sera, la presentazione del volume “Sulle strade del mondo” di Enzo Farinella, corrispondente in Irlanda per Ansa e Radio Vaticana

Si terrà questa sera, alle 21.15, a Grottammare, la presentazione del volume “Sulle strade del mondo” di Enzo Farinella, corrispondente in Irlanda per l’Ansa e per Radio Vaticana.

Nel dibattito civile e culturale sembra essersi affievolito negli ultimi anni l’interesse per il tema delle radici cristiane dell’Europa. Esso tuttavia è di fondamentale importanza per dare un’anima al Vecchio Continente: infatti, il collante che tiene uniti i vari popoli europei, così diversi fra loro, è proprio il cristianesimo.

Se nei primi secoli il cristianesimo si è diffuso grazie all’annuncio della parola di Dio e alla testimonianza dei martiri, a partire dal IV secolo l’opera di cristianizzazione è proseguita grazie alla conversione dei sovrani barbari, all’espansione del monachesimo benedettino e all’opera dei monaci irlandesi.

Proprio a questi ultimi è dedicato il libro di Enzo Farinella. L’epopea dei monaci irlandesi è poco nota, ma non per questo di secondaria importanza per l’affermazione della religione di Gesù in Europa. Fra il V e l’XI secolo centinaia di monaci lasciarono l’isola natia per portare il vangelo nel continente.

Molti di questi monaci terminarono la loro vita nell’Europa continentale e ivi furono sepolti: basta pensare, ad esempio, a San Gallo e a San Colombano. Per quanto ignorato, si può parlare di un vero e proprio “Erasmus della fede”. Inoltre, furono proprio i monaci irlandesi ad introdurre la pratica della confessione individuale.

Il libro di Farinella aiuta a ricostruire questa storia e ad avere una maggiore consapevolezza della propria identità europea.

About Nicola Rosetti

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione