Dona Adesso

Fidanzati - pixabay

Quella Parola Creatrice che semina sillabe in ogni storia umana

Il Verbo di Dio penetra i cuori dei giovani, facendoli innamorare e rinvigorendoli con le vitamine della vita

Ogni tanto i miei ex alunni tornano a scuola a trovarmi e ne approfittano per fermarsi ad assistere alla lezione. Questa è una lettera che mi ha scritto una mia ex studentessa, pochi minuti dopo essere uscita da una di queste lezioni. Buona lettura.

“Sicuramente prof. non avrà tempo di leggere subito tutto quello che le sto scrivendo, ma non importa; lo leggerà quando avrà tempo. Io intanto glielo scrivo perché sento che è venuto il momento per me.

Anzi; spero che continueremo a sentirci perché vorrei crescere ‘professionalmente’ con lei. Non cerco consigli; voglio solo farmi conoscere perché (come dice lei) le persone non si incontrano mai per caso.

A 6 anni i miei genitori si sono separati in malo modo. Io non ricordo neanche un momento passato tutti e tre insieme. Ho sempre sentito l’uno sparlare dell’altro (e ancora oggi è così). Mio padre non ha mai avuto molte attenzioni per me e ci vediamo molto raramente (in genere quando mia nonna organizza cene o pranzi di famiglia). Ma devo ammettere che, ultimamente, forse il nostro rapporto sta migliorando.

Mia madre, con tutte le difficoltà che ha dovuto passare, è sempre stata un po’ anaffettiva nei miei confronti, Ma ha fatto tanto per me, svolgendo sia il ruolo sia di madre che quello di padre. E poi, vabbè, gli errori si fanno, ma lei è stata comunque fondamentale.

Sono stata per tre anni con un ragazzo. All’inizio tutto andava bene ma poi ha cominciato a trattarmi male. Mi sminuiva sempre e la mia autostima era finita sotto i piedi per colpa sua (ed io neanche me ne ero accorta). 

I miei angeli sono mia nonna e Massimiliano. Massimiliano mi ha trattata come una principessa fin dall’inizio, amandomi come mai nessuno altro. Con lui è come se fosse cominciata veramente la mia vita.

Mia nonna è sempre stata una seconda mamma, piena di amore ed attenzioni nei miei confronti. Oggi mi accorgo di assomigliarle molto nel carattere e spero di diventare una donna come lei. Mi sento veramente molto fortunata ad avere una mamma che lotta per me, una nonna, un meraviglioso fratellino piccolo e il mio ragazzo!

In questi 5 anni, prof, le ho scritto solo una volta confidandole un problema: l’anoressia della mia migliore amica. E’ una cosa che mi ha segnato molto e da lì ho sentito che questo era quello che volevo fare nella mia vita: aiutare gli altri.

E’ come se fosse una vocazione: mi sento chiamata a dare tutta me stessa per gli altri. In tutto ciò, visto che lei è comunque una professoressa di religione, le esprimo anche il mio parere su Dio. Non ho la più pallida idea se esista davvero come persona invisibile ma concreta, in mezzo a noi. Sicuramente ci sono energie positive e negative che influenzano ogni vicenda della nostra vita, ma ho tante domande a cui non so rispondere. La sola risposta che ho è che se ci fosse Dio, tante cose non succederebbero. Però, che ne so, può anche essere che esista. Comunque sia, non sapendo nulla, ho sviluppato una mia teoria e penso che Dio, Buddha, e tutti gli altri dei esistenti nelle religioni del mondo, forse sono la parte buona che c’è in noi stessi. Forse ognuno di noi è il Dio o il Buddha di sé stesso, nel senso che Dio indica la retta via da seguire nella vita…una specie di bussola. Boh, non lo so, forse neanche le interesserà quello che ho da dire io, visto che ne sentirà mille di storie e pensieri simili. Però io sentivo di dirglielo, dopo tutto questo tempo. Un bacio grande! Alessia”

***

Carissima Alessia, della tua lettera ho tagliato quasi niente. E’ troppo bello il tuo passare da est ad ovest e da un discorso all’altro.

Nelle tue ultime righe parli di Dio…Dio… Dov’è Dio? E com’è?

Vincent van Gogh scriveva al fratello Teo: “Dio è come un faro a eclisse, ed è certo che in questo momento siamo nell’eclisse. Ciò non impedisce che senta un bisogno terribile di…la chiamerò con il suo nome…religione. E allora vado fuori di notte, a dipingere le stelle”.

Ed anche tu, Alessia, stai dipingendo il cielo stellato. Come (quasi) tutti noi. Lo guardiamo, rimaniamo a bocca aperta per lo stupore e cerchiamo di balbettare qualcosa che abbia un senso divino. Tutti osserviamo e dipingiamo la nostra “notte stellata”, come Vincent van Gogh. Ed ogni religione è una via spirituale per ammirare le stelle.

Nel 1997, la Commissione Teologia Internazionale della Chiesa Cattolica ha scritto un documento intitolato “Il cristianesimo e le altre religioni” dove ha detto che “La Chiesa, depositaria della religione annunciata da Cristo, è persuasa di essere l’autentica Chiesa di Cristo e di Dio. È pure consapevole che anche al di ‘fuori’ dei suoi confini visibili in concreto nelle diverse religioni, si possono trovare ‘semi del Verbo’ (‘semina Verbi’)”.

In parole semplici, ha affermato che, nell’universo, c’è una Parola Creatrice (il Verbo) che semina in continuazione la sua Parola, dappertutto! Sia nella religione cattolica che in territori ed in cuori fuori dal suo “recinto”. Siamo immersi in una realtà divina dove Dio è dappertutto e parla a noi in continuazione.

Non Lo vediamo, eppure Lo cerchiamo. Non Lo sentiamo, eppure Lo intuiamo. Siamo nell’eclisse, eppure ammiriamo le stelle.

E non ci arrendiamo al “si vive una volta sola”. Vogliamo vivere per sempre. Se ci pensi bene, questa è la caratteristica propria dell’amore.

Non ci fermiamo mai al “si ama una volta sola e solo qualcosina per volta”. Noi vogliamo amare tutto e per sempre!

Amare il nostro passato (riconciliandoci con i suoi errori) ed amare il nostro futuro (mettendo al tappeto le nostre preoccupazioni). Amare noi stessi, ma anche gli altri. Io sono certa che tu porterai amore ovunque andrai. In cinque anni l’hai dato anche a me, attraverso il tuo sguardo dolce e concentrato. Quando in quinto ti ho vista innamorata (ricambiata) di Massimiliano, un giorno gli ho chiesto: “Sei davvero innamorato di Alessia?”. La sua risposta mi arrivò prima con gli occhi splendenti di entusiasmo e poi con le sue decise parole: “Sì prof, tantissimo!”.

Io resto affascinata da come il Verbo di Dio, si infili nei cuori di due ragazzi, facendoli innamorare e rinvigorendoli con le vitamine della vita. Quel Verbo di Dio si è fatto Carne (e questa cosa mi manda piacevolmente fuori di testa!).

E’ per questo che, pur essendo una studiosa di tutte le religioni perché affascinata dai diversi cammini spirituali, rimango però follemente incantata dal Verbo di Dio che diventa bambino. Quel bambino è strapieno delle stelle del firmamento, perché è il Signore delle galassie.

Il Logos (come lo chiama San Giovanni nel suo Prologo) è venuto sulla terra per farci conoscere ogni sillaba di Dio. Sillabe sparse nel vento di ogni storia umana. Dove c’è gente di buona volontà, lì c’è Dio.

Carissima Alessia, tu sei una donna di buona volontà. Dio parlerà, tramite te, a tante persone.

Non importa se tu credi o non credi in Dio. Lui crede in te. “Chi procaccia il bene, si attira benevolenza” (Proverbi 11,27) e tu benevolenza avrai.

Buon cammino, Alessia!

(fonte: www.intemirifugio.it)

About Maria Cristina Corvo

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione