Dona Adesso

Quando l’amore vince anche la morte: la storia di Martina

Con la forza eroica della sua famiglia, una ragazza di 24 anni ha affrontato con serenità le sofferenze di una grave malattia invalidante che, il 2 gennaio, l’ha riportata in cielo

Nel giorno del funerale, a San Zeno di Cassola, la pioggia scendeva così incessante che sembrava che anche il cielo e la terra stessero piangendo per la morte di Martina. Nella chiesa, gremita come non mai, ascoltando le testimonianze della mamma Ida e del fratello Moreno, il sacerdote che ha celebrato il funerale, don Luigi, ha commentato: “L’amore di questa famiglia è Vangelo puro”.   

La mamma ha raccontato che Martina era una ragazza allegra, spensierata, amante della vita, appassionata di pallavolo e di musica. Si divertiva con gli amici e dedicava gran parte del suo tempo a giocare con il fratello più piccolo. I genitori erano orgogliosi di questi due figli. Una famiglia di operai, fieri di poter vedere crescere i propri figli magari diplomati o perfino laureati.

Ma non è stato così. “Per un disegno a noi incomprensibile – ha detto la donna – Martina all’età di 15 anni fu colpita da una rara malattia che le distrusse tutte le attività celebrali, togliendole completamente la parola, e, da ultimo, la vista”.

Era l’agosto del 1990, quando i medici dell’ospedale di Vicenza dissero ai due genitori sgomenti che per la ragazzina non c’era più nulla da fare. Non si conoscevano cure e la malattia l’avrebbe portata in pochissimo tempo alla morte. Per mamma Ida non ci sono parole per descrivere lo stato d’animo di quei momenti: “Noi avevamo fede, ma non una fede così forte da accettare una prova così dura”, ha aggiunto.

Nonostante le mille domande e la difficoltà di accettare un tale destino, i due genitori hanno scelto, senza esitare, di voler curare loro la propria figlia, “forti della consapevolezza che l’amore e il calore della famiglia sono la migliore cura”. Dopo molti giorni di degenza in ospedale, Martina è stata riportata infatti a casa. Per tutta la famiglia è iniziata una nuova vita, totalmente diversa da quella vissuta precedentemente.

I genitori hanno messo da parte ogni progetto esterno e si sono dedicati alle necessità di Martina. Armando ha continuato a lavorare, mentre Ida vi ha rinunciato per dedicarsi completamente a ai figli. La coppia ha insegnato al piccolo Moreno ad accarezzare Martina, spiegandogli che le sue carezze avrebbero reso felice la sorella. Ha ricordato Ida: “Martina è stata la presenza silenziosa della nostra famiglia: il suo silenzio ha riempito le nostre vite. Ogni giorno abbiamo vissuto le difficoltà della strada che avevamo intrapreso. Difficoltà che anziché diminuire aumentavano sempre di più, tanto da sembrare in alcuni momenti opprimenti e insopportabili”.

Martina, che secondo i medici sarebbe dovuta morire a breve, è vissuta altri 24 anni, tenuta in vita dall’amore dei suoi genitori e del fratello. L’amore familiare ha retto anche quando nel 2010 le condizioni di Martina si sono aggravate in maniera drammatica, e soprattutto quando nel 2013, anche il padre Armando è salito al Cielo, anticipando di nove mesi la dipartita della figlia.

Il fratello Moreno ha detto alla sorella: “In questi 24 anni con il tuo silenzio hai riempito le nostre vite. Eri il punto di riferimento della casa. Non appena si entrava nell’ingresso lo sguardo cadeva sulla tua poltrona. Tu eri là a vegliare, a scrutare, a sentire tutto ciò che accadeva in casa e ad ascoltare le voci che ti circondavano. Partecipavi anche tu alla vita della famiglia. Ne eri il centro”.

“Ti ringrazio Martina – ha concluso commosso – per essere mia sorella, per avermi fatto maturare vivendo accanto a te e per avermi fatto conoscere attraverso la tua malattia la sofferenza ed i valori importanti della vita. Sei la persona più preziosa della mia vita, Ora non ci sei più fisicamente. Ma dentro di me vivrai sempre”.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione