Dona Adesso

Profughi: il vescovi del Triveneto incoraggiano l’accoglienza

Nel corso della loro assemblea al Seminario di Bressanone, i presuli fanno appello alla generosità della popolazione delle loro diocesi

La nuova e sempre più vasta emergenza profughi che coinvolge tutta l’Europa, comprese le nostre regioni del Nordest, richiede alle comunità cristiane la risposta di una fede capace di amore e di accoglienza, in un atteggiamento di conversione e apertura all’altro e alle sofferenze di quanti – uomini, donne e bambini – fuggono da luoghi travagliati. E bisogna contribuire a generare e continuamente ricostruire un clima di serena e cordiale convivenza nelle comunità locali chiamate ad accogliere, nel rispetto delle esigenze di tutti. 

I Vescovi del Triveneto, riuniti in questi giorni presso il Seminario Maggiore di Bressanone, hanno dedicato a quest’attualissimo tema una parte della loro riunione nell’intento di raccogliere, in modo adeguato e condiviso il più possibile, l’appello pressante di Papa Francesco che ha esplicitamente richiesto un impegno concreto e ulteriore delle comunità ecclesiali. 

Diocesi, parrocchie e realtà associative di queste regioni – è stato rilevato – si sono da tempo attivate e spesso promuovono già forme significative di accoglienza; il passo in avanti nell’impegno che oggi viene sollecitato a parrocchie, collaborazioni pastorali, vicariati, comunità religiose e associative è direttamente coordinato dalle singole Diocesi (perlopiù attraverso la Caritas e i suoi strumenti operativi) che si pongono quindi come interlocutore stabile ed ufficiale sia nei confronti delle istituzioni locali – in un rapporto di stretta collaborazione – che nella specifica attività di supporto fornita alle realtà ecclesiali. 

Si è sottolineata l’importanza di operare in modo condiviso, sia in ambito ecclesiale che sui rispettivi territori, creando una rete di interventi e coinvolgendo più persone nell’assunzione di impegni e responsabilità – nel rispetto della legalità – di fronte ai diversi e numerosi servizi richiesti per un’adeguata accoglienza. 

Soprattutto in vista dell’imminente Giubileo della Misericordia, le comunità ecclesiali del Nordest si sentono perciò chiamate ad offrire – con la generosità e il realismo da sempre presenti nella storia di queste terre (un tempo protagoniste di un fenomeno migratorio inverso) – una testimonianza di amore e fedeltà al Vangelo di Gesù Cristo, oggi sofferente nei tanti profughi come anche nelle tante persone e famiglie del nostro territorio provate da varie situazioni di fragilità e dalle difficoltà presenti soprattutto nel mondo del lavoro, attraverso gesti concreti e diffusi di accoglienza, integrazione e solidarietà rivolti verso tutti.

Nel corso della riunione a Bressanone del 14-15 settembre, i Vescovi del Triveneto hanno inoltre affrontato altri argomenti importanti:

– un aggiornamento in vista dell’ormai vicino Convegno di Firenze della Chiesa italiana che invita tutti a fissare in Gesù Cristo il modello di un’umanità nuova e vera, la sorgente della vita buona da offrire e realizzare nella società di oggi;

– una prima riflessione sul recente motu proprio del Papa, inerente al riordino del matrimonio canonico, e sulle conseguenti applicazioni pastorali;

– un’ulteriore tappa nella fase di analisi e scambio di esperienze e valutazioni, avviata da tempo, riguardo alla vita e alla struttura formativa dei Seminari diocesani.

La mattina di martedì 15 settembre il Patriarca di Venezia e Presidente della Conferenza Episcopale Triveneto Francesco Moraglia ha presieduto, con tutti gli altri Vescovi della regione ecclesiastica e alla presenza di molti fedeli, la S. Messa nella basilica cattedrale di Bressanone intitolata a S. Maria Assunta e S. Cassiano.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione