Dona Adesso
Cardinale Carlo Maria Martini

Wikimedia Commons

Premio Carlo Maria Martini: annunciati i vincitori

Prima classificata: Francesca Mercurio con una storia per ragazzi. Sabato 21 maggio la cerimonia di consegna del riconoscimento da parte del cardinale Scola

Sono stati designati dalla Giuria i vincitori del Martini International Award 2014-2015, avviato nel 2013 dall’Arcidiocesi di Milano e che ora continua a cura della Fondazione intitolata al cardinale Carlo Maria Martini, Arcivescovo di Milano dal 1979 al 2002.

Per la prima sezione, dedicata allo studio del pensiero e della figura di Carlo Maria Martini, il premio è stato assegnato al lavoro di Francesca Mercurio, Carletto contatore di stelle, una storia per ragazzi e per adulti “per mettersi in ascolto della storia di un uomo prima ancora che di un vescovo quale è stato Carlo Maria Martini”.

Per la seconda sezione, dedicata all’approfondimento del rapporto tra Bibbia e cultura nel mondo di oggi (arte, letteratura, filosofia, scienza, economia, politica, religioni, spettacolo, ecc.), il premio è stato assegnato al lavoro di Nicola Carlo Bordogna, L’insufficienza della pena. Verso un ripensamento in prospettiva riparativa, un breve saggio che trae ispirazione, in sintonia con la riflessione di Carlo Maria Martini, dalla tradizione biblica per ricomprendere le moderne pratiche di giustizia riparativa.

Per la terza sezione, dedicata a esperienze e progetti pastorali ispirati allo stile di Martini, il premio è stato assegnato al lavoro di Gonzalo Abadie Vicens e Guillermo Buzzo Sarlo, Discipulado catecumenal de Adultos (DcA). Un itinerario inspirado en el pensamiento y la obra del Card. Carlo María Martini, un’esperienza di catecumenato per adulti attiva in diverse parti dell’Uruguay da una decina d’anni e ispirata alla lettura catechetica del Vangelo di Marco proposta dal cardinale Martini. Una scelta che riflette tra l’altro l’ampliamento della dimensione internazionale di questa seconda edizione del Martini International Award, con l’ammissione di quattro lingue: italiano, francese, inglese e spagnolo.

Una menzione speciale della Giuria è andata al lavoro musicale del compositore Paolo Rimoldi Due celebrazioni della Parola: Cantata interiore e Cantate des vivants, un dittico ispirato all’idea di musica come “luogo teologico”, creazione di spazio sonoro per una liturgia della Parola.

Sarà l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, a consegnare il premio ai vincitori di questa seconda edizione durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà sabato 21 maggio 2016 a Milano (ore 11, Salone della Curia Arcivescovile, piazza Fontana 2).

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione