Dona Adesso

Santo Rosario, Fatima, 12 maggio 2017 - Foto © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

“Preghiamo per quanti negano Dio”

Saluto di papa Francesco ai pellegrini polacchi

Salutando “cordialmente” i pellegrini di lingua polacca presenti in Piazza San Pietro, il Santo Padre ha ricordato oggi, mercoledì 4 ottobre 2017, l’appello per pregare il Rosario lanciato dalla Vergine Maria durante le sue apparizioni avvenute 100 anni fa a Fatima, in Portogallo. “Vorrei che ogni giorno pregaste con il rosario”, disse Maria ai tre pastorelli.

“Rispondendo alla sua domanda, preghiamo insieme per la Chiesa, per la Sede di Pietro e per le intenzioni di tutto il mondo”, ha proseguito il Papa, che ha aggiunto: “Chiediamo perdono per i peccati”.

Concludendo il suo saluto, il Papa ha esortato i presenti a pregare per alcune categorie in particolare. “Preghiamo per la conversione dei dubbiosi, per quanti negano Dio e per le anime del purgatorio”, ha detto, benedicendo poi “di cuore” “voi tutti che pregate il Rosario”.

Infatti, ottobre non solo è il mese missionario, ma anche quello dedicato al Rosario. Sabato prossimo, il 7 ottobre, la Chiesa celebra la festa della Madonna del Rosario, le cui origini risalgono al lontano XIII secolo, quando san Domenico di Guzmán (1170-1221) ebbe una visione della Vergine Maria, che gli consegnò “la corona di rose di Nostra Signora”.

Durante il suo viaggio pastorale in Emilia-Romagna, Francesco ha visitato domenica scorsa a Bologna il monumento sepolcrale — noto anche come “l’arca” — di san Domenico. All’interno della stessa basilica si trova sul lato opposto rispetto alla cappella dedicata al fondatore dell’Ordine dei Predicatori la Cappella Guidotti, il cui nome fu mutato nel XVI secolo in “Cappella del Rosario”, proprio in onore della Madonna del Rosario.

About Paul De Maeyer

Schoten, Belgio  (1958). Laurea in Storia antica / Baccalaureato in Filosofia / Baccalaureato in Storia e Letteratura di Bisanzio e delle Chiese Orientali.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione