Dona Adesso

Popoli, la prima rivista cattolica su iPad in Italia

ROMA, mercoledì, 2 marzo 2011 (ZENIT.org).- “Popoli”, il mensile internazionale dei gesuiti, è ora leggibile anche su iPad, il celebre tablet computer prodotto dalla Apple. Dall’Apple Store e da iTunes Store sono, infatti, scaricabili gratuitamente l’applicazione e il numero di febbraio, con una selezione di articoli, arricchiti da contenuti multimediali.

Nei prossimi mesi il prodotto verrà ulteriormente perfezionato e assumerà la forma di un bimestrale: ogni numero conterrà il meglio di reportage, inchieste, commenti e rubriche pubblicati in due fascicoli dell’edizione cartacea.

Popoli è la prima rivista cattolica italiana a sviluppare un’applicazione per iPad e tra le prime in Europa.

Alla rivista cartacea, al sito recentemente rinnovato (www.popoli.info) e ai social network Facebook e Twitter su cui la rivista è presente da pochi mesi, si aggiunge dunque questa nuova modalità per raccontare come oggi il Vangelo viene vissuto e annunciato in un mondo che cambia.

Tra i punti di forza del magazine che verranno particolarmente valorizzati nella versione iPad vi sono la qualità delle immagini e l’autorevolezza dei collaboratori: scrivono regolarmente su Popoli i gesuiti Paolo Dall’Oglio, impegnato nel dialogo interreligioso in Siria; il biblista Silvano Fausti; il sociologo Maurizio Ambrosini, tra i massimi esperti italiani di immigrazione; e il comico Giacomo Poretti (del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) che nella sua rubrica rilegge con sguardo ironico i fatti di attualità.

Il nome dell’applicazione è «As Popoli» poiché è allo studio la realizzazione per iPad della rivista Aggiornamenti Sociali, edita, come Popoli, dalla Fondazione Culturale San Fedele di Milano.

La realizzazione di Popoli su iPad è nata dalla collaborazione con Progetto Rosetta, una start-up che nasce con l’intento di valorizzare il mondo editoriale grazie a nuove forme di comunicazione digitale su supporti personali, sempre connessi.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione