Dona Adesso

Foto by Sztajner/Niedziela

Polonia, in 515 città il Corteo dei Tre Magi

La manifestazione, quest’anno con lo slogan francescano “Pace e Bene”, è stata dedicata al dramma delle famiglie siriane

Cinquecentoquindici città della Polonia hanno accolto ieri, solennità dell’Epifania, il corteo dei Re Magi, manifestazione organizzata ogni anno dal 2009 dalla Fondazione “Corteo dei Tre Magi”. Centinaia di bambini, genitori, insegnanti, membri dei gruppi scout e volontari hanno preso parte all’evento che quest’anno ha voluto ricordare il dramma delle famiglie in Aleppo, in Siria. Tutti i presenti hanno pregato per la pace in Medio Oriente e nel mondo. Ogni città ha ricevuto il patrocinio dei presidenti locali, dei sindaci e dei vescovi delle varie Diocesi, oltre al sostegno di noti personaggi del mondo della cultura e dei media.

Slogan del Corteo di quest’anno sono state le parole di saluto francescano “Pace e Bene”, attraverso le quali partecipanti e organizzatori hanno voluto ricordare il rispetto per il mondo e per la natura. In questo modo, i diversi Cortei hanno sottolineato anche l’importanza del messaggio di Papa Francesco nell’enciclica Laudato si’, in cui il Pontefice richiama l’attenzione sulla bellezza e la cura del Creato.

Ai partecipanti al Corteo è giunto pure il messaggio speciale di Andrzej Duda, presidente della Polonia e della moglie Agata Kornhauser-Duda. “‘Pace e Bene’, le parole che accompagnano il Corteo dei Tre Magi di quest’anno indicano i valori importanti che dovrebbero realizzati da ogni uomo”, ha detto il capo dello Stato.

Da parte sua, mons. Wacław Depo, arcivescovo e metropolita di Częstochowa, celebrando la Messa dell’Epifania nella Cattedrale della Sacra Famiglia a Częstochowa, ha affermato: “Nei nostri tempi abbiamo bisogno della fede dei Saggi dall’Oriente che sono venuti da Betlemme per trovare Gesù. “Dio – ha aggiunto – è un segno sulla nostra strada. Non possiamo essere indifferenti alle cose di Dio nella nostra vita”.

About Mariusz Frukacz

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione