Dona Adesso
Parliament in Warsaw

WIKIMEDIA COMMONS

Polonia: approvata la legge sulla fecondazione in vitro

Il dissenso della Conferenza Episcopale: “Un fallimento assoluto dell’etica medica”

La Camera dei Deputati polacca ha approvato oggi una legge sul trattamento della sterilità, che regola, tra l’altro, le norme per la fecondazione in vitro. Secondo il progetto della legge, il metodo in vitro può essere disponibile anche per le persone che non hanno tra loro un rapporto formale.

A favore del progetto hanno votato di 261 deputati (PO – Piattaforma dei Cittadini e la Sinistra), 176 deputati (PiS – Diritto e Giustizia) erano contrari, altri 6 si sono astenuti.

Per molti mesi la proposta di legge è stata criticata dalla Conferenza Episcopale Polacca, dai movimenti pro-life e cattolici e dai partiti di destra.

Dopo il dibattito e il voto al Parlamento, il Presidio della Conferenza Episcopale Polacca ha criticato il risultato del voto. “Il Presidio della Conferenza Episcopale Polacca, con grande tristezza e delusione accetta il risultato del voto di oggi al Parlamento sul progetto di legge del governo Sul trattamento della sterilità”, si legge nel documento della Conferenza Episcopale Polacca.

I vescovi polacchi sottolineano che “i parlamentari che hanno votato a sostegno della proposta di legge per il trattamento della sterilità nella versione del governo rimangono in contrasto con gli insegnamenti di papa Francesco, che ha fatto appello ai medici: “Il vostro dovere è quello di esprimere l’obiezione di coscienza con l’aborto, la fecondazione artificiale e l’eutanasia!”.

“Il Santo Padre ha chiesto di non fare esperimenti e di non giocare con la vita umana”, ricordano i vescovi.

Secondo i commenti dei giornali cattolici, ad esempio, del settimanale cattolico Niedziela, il risultato del voto di oggi è contro la valutazione etica e morale cristiana. La grande sorpresa per i commentatori è quella che troppi deputati non osservano la voce dei vescovi in Polonia.

“La legge sulla fecondazione in vitro è una bomba a orologeria, che strumentalizza la vita umana”, ha sottolineato l’Arcivescovo Henryk Hoser, presidente del Gruppo di esperti di Bioetica presso la Conferenza Episcopale Polacca. Secondo Hoser “la legge sulla fecondazione in vitro è un fallimento assoluto dell’etica in medicina”.

Dopo il dibattito e il voto al Senato, la legge tornerà alla Camera dei Deputati e poi il Parlamento, prima della firma del Presidente della Repubblica.

 

About Mariusz Frukacz

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione