Dona Adesso

Papa Francesco e Card. Parolin (Foto: 2015) / © CCEW - Mazur/Catholicnews.Org.Uk, CC BY-NC-SA 2.0

Parolin si recherà ad agosto in Russia

“Per costruire un clima e un ambiente di giustizia e di pace”

Vado in Russia come collaboratore del Papa. Come collaboratore di colui che vuole costruire ponti per far crescere, nel mondo, la capacità di comprendersi, capirsi, dialogare.” Lo ha annunciato ieri, martedì 18 luglio 2017, il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, al microfono del programma italiano di Radio Vaticana.

Anche se mancano ancora le date precise, il viaggio si farà ad agosto e prevede tra gli altri un incontro con il presidente Vladimir Putin.

“Mi lascerò guidare dallo Spirito”, ha detto il “numero due” della Santa Sede, intervistato dall’emittente vaticana per lo speciale “Francesco, il Papa del dialogo”, realizzato da RAI Vaticano e dedicato ai 19 viaggi internazionali del Pontefice.

Nel caso della Russia costruire ponti è condividere relazioni bilaterali che già esistono e che toccano l’attività della Chiesa cattolica e il dialogo con la Chiesa ortodossa”, ha spiegato il porporato italiano, il quale ha aggiunto che “non si potrà non affrontare” temi come il Medio Oriente, la Siria o l’Ucraina. Parolin ha visitato quest’ultimo Paese nel giugno 2016.

Il viaggio del cardinale segretario in Russia segue lo storico incontro tra papa Francesco e il patriarca russo-ortodosso di Mosca e di Tutte le Russie, Cirillo I, avvenuto nel febbraio 2016 a Cuba.

Nell’intervista, Parolin si è anche soffermato sull’attività diplomatica della Santa Sede e ha sottolineato in particolare l’importanza del dialogo, che “significa incontro, conoscenza, comprensione”, “mettersi nei panni dell’altro, comprendere il suo punto di vista”, nonché “trovare ambiti di coincidenza e collaborazione”. “Il Papa cerca di aprire nuovi percorsi di fraternità. Va a toccare il cuore dell’uomo”, ha detto il cardinale.

La Santa Sede e la Federazione Russa hanno stabilito delle relazioni diplomatiche a livello di nunziatura da parte vaticana e di ambasciata da parte russa nel dicembre 2009.

Vladimir Putin è stato ricevuto in Vaticano da papa Francesco il 10 giugno 2015. Nel 2000 e 2003 ha incontrato anche Giovanni Paolo II e nel 2007 Benedetto XVI.

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del dipartimento delle relazioni ecclesiastiche esterne del patriarcato di Mosca, è stato ricevuto in Vaticano da papa Francesco il 16 giugno 2015 e il 10 dicembre 2016.

L’ultima visita in Russia di un alto rappresentante della Santa Sede risale al giugno 1988, quando l’allora segretario di Stato e protagonista della cosiddetta “Ostpolitik” vaticana, il cardinale Agostino Casaroli, visitò Mosca e partecipò alle celebrazioni del Millennio della Russia cristiana. Come rappresentante di Giovanni Paolo II fu ricevuto dall’allora presidente Mikhail Gorbacev. (pdm)

About Marina Droujinina

Giornalismo (Mosca & Bruxelles). Teologia (Bruxelles, IET).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione