Dona Adesso

Foto ©CTV (Screenshot)

Papa su strage Nizza: “Condanniamo ogni manifestazione di odio e follia omicida”

Viva solidarietà dal Pontefice alle famiglie delle vittime dell’attacco terroristico di ieri e all’intero popolo francese. In un telegramma al vescovo Marceau, Francesco deplora questa “cieca violenza”

Grande dolore da parte di Papa Francesco e di tutta la Santa Sede per la tremenda strage avvenuta ieri notte a Nizza, dove un attacco terroristico ha provocato la morte di oltre 80 persone. In una breve nota il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, riferisce: “Abbiamo seguito, questa notte, con grandissima preoccupazione, le terribili notizie che venivano da Nizza. Manifestiamo, quindi, da parte di Papa Francesco e nostra, tutta la partecipazione e solidarietà alle sofferenze delle vittime e dell’intero popolo francese, in quello che doveva essere un grande giorno di festa”. Quindi: “Condanniamo nella maniera più assoluta ogni manifestazione di follia omicida, di odio, di terrorismo, di attacco contro la pace”.

Il Pontefice ha poi voluto inviare un messaggio personale di cordoglio al vescovo di Nizza, mons. André Marceau, in cui parla di “cieca violenza” che per l’ennesima volta ha colpito il paese e causato numerose vittime, compresi bambini. “Condannando ancora una volta tali atti” – si legge nel testo a firma del cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin – il Santo Padre esprime “il suo profondo dolore e la sua vicinanza spirituale al popolo francese” e “affida alla misericordia di Dio tutti coloro che hanno perso la vita”.

Ribadendo poi la sua forte vicinanza al dolore delle famiglie che vivono il lutto, Bergoglio rivolge un pensiero ai feriti e a tutti coloro che hanno contribuito alle operazioni di salvataggio, chiedendo per essi il sostegno del Signore. Infine “implorando da Dio il dono della pace e dell’armonia”, il Papa invoca sulle famiglie delle vittime e su tutti i francesi “il beneficio delle benedizioni divine”.

Dal suo account Twitter, @pontifex, il Papa ha poi postato: “Chiedo a Dio di convertire il cuore dei violenti accecati dall’odio”. Mentre su Instagram ha scritto: “Esprimo la mia vicinanza ai famigliari delle vittime e dei feriti di tutti gli attentati terroristici. Preghiamo insieme per loro, per i defunti e chiediamo al Signore di convertire il cuore dei violenti accecati dall’odio”.
Da parte sua Mons. Marceau ha stigmatizzato duramente l’assalto della scorsa notte sulle colonne de La Croix, dove ha detto: “Cosa risiede nel cuore di un uomo nel momento in cui compie un atto di tale odio, barbarie e morte? Sono domande serie che restano senza risposta. Siamo testimoni di scene di guerra, insopportabili”.

Manifestando la sua costernazione, il presule ha sottolineato che “il ruolo della Chiesa è quello di portare conforto ai parenti delle vittime, a coloro che soffrono, offrire preghiere per tanti innocenti e tenere aperta una finestra che proietti luce su questi aspetti più oscuri dell’animo umano”. “Crediamo che la compassione e la consolazione siano un mezzo attraverso cui il cuore degli uomini sia toccato dall’amore” ha detto Marceau, “esortando a mantenere viva e vigile questa sensibilità, indispensabile per non cadere nel tranello di chi semina paura e morte”.

A tal riguardo, il vescovo di Nizza ha ammonito “a non lasciarsi sopraffare dall’odio, dal desiderio di violenza, di discriminazioni o da quello di chiuderci in noi stessi. Bisogna evitare a tutti costi questa deriva, attenzione che il nostro dolore non generi ciò che è all’origine di questi fatti”.

Nella diocesi francese, intanto, si stanno organizzando veglie di preghiera per raccogliere le “grida di dolore” di coloro che sono stati colpiti da questo orrendo attentato.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione