Dona Adesso

Villavicencio, 8 settembre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Papa Francesco visita Medellín: Programma

L’ex capitale del narcotraffico è la seconda città per popolazione della Colombia

Il penultimo giorno del suo viaggio apostolico in Colombia, papa Francesco visiterà oggi, sabato 9 settembre 2017, Medellín. L’ex capitale del narcotraffico è con oltre 2,4 milioni di abitanti (l’intera regione metropolitana di Medellín conta circa 3,7 milioni di abitanti) la seconda città per popolazione del Paese sudamericano dopo la capitale Bogotá (circa 7,8 milioni di abitanti).

In ambito ecclesiastico la città di Medellín è soprattutto nota per aver ospitato nel 1968 la II Conferenza generale degli Episcopati dell’America Latina, inaugurata a Bogotá (sic) da papa Paolo VI il 24 agosto dello stesso anno.

L’aereo di papa Francesco partirà alle 08.20 ora locale (le ore 15.20 a Roma) sempre dall’area militare dell’aeroporto internazionale di Bogotá-El Dorado per Rionegro, dove l’atterraggio è previsto alle 09.10 (16.10 ora di Roma).

Poi si trasferisce in elicottero all’aeroporto “Enrique Olaya Herrera” di Medellín, dove celebrerà alle 10.15 l’Eucaristia. San Giovanni Paolo II celebrò nel 1986 la Messa nel terreno dello stesso aeroporto.

Dopo il pranzo, alle ore 15.00, papa Francesco visiterà il centro di assistenza sociale per bambini e giovani più antica di Medellín, l’“Hogar San José”, fondato da un missionario in seguito alla cosiddetta “Guerra dei Mille Giorni” (1899-1902), che sconvolse la Colombia.

Alle 16 (saranno le ore 23 a Roma) è programmato nello Stadio Coperto “La Macarena” il consueto incontro con sacerdoti, religiosi/e, consacrati/e, seminaristi e le loro famiglie di provenienza.

Al termine dell’incontro, il Papa si trasferirà di nuovo in elicottero alla Base Aerea di Rionegro, da dove riparte alle 17.30 (le ore 00.30 di domenica 10 settembre a Roma) per Bogotá. L’arrivo nella capitale colombiana è previsto per le 18.25 (le ore 01.25 a Roma). (pdm)

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione