Dona Adesso

Papa Francesco potrebbe tornare il 19 settembre ad Assisi

E’ probabile che partecipi all’incontro interconfessionale di Preghiera delle religioni mondiali per la Pace

Papa Francesco potrebbe tornare ad Assisi il 19 settembre per l’incontro interreligioso internazionale organizzato dalla Comunità Sant’Egidio dalla Diocesi di Assisi e dalle Famiglie Francescane con il titolo . “Sete di pace”, perché il mondo, oggi più che mai, ne ha bisogno”.

Lo ha detto l’imam di Perugia e dell’Umbria Mohamed Abdel Qader nel corso di una intervista mandata in onda da TV2000.

L’incontro interconfessionale consiste in tre giorni all’insegna del dialogo, della preghiera comune e del vivere insieme, a trent’anni dalla storica Preghiera delle religioni mondiali per la Pace, convocata da Giovanni Paolo II nel 1986.

Non c’è alcuna conferma da parte della Santa Sede, anche se la visita potrebbe essere probabile.

In merito all’incontro padre Mauro Galimberti custode Sacro Convento di Assisi ha spiegato che “Quest’anno corre il trentennale di quel primo incontro del 1986 e i frati francescani di Assisi, insieme alla Comunità di Sant’Egidio e alla diocesi, escono allo scoperto e spalancano le porte per un nuovo incontro tra i leader mondiali delle religioni”.

L’idea è quella di “Una preghiera corale e una parola unanime, frutto di una riflessione condivisa, questa la risposta che vorremmo suscitare”.

“Insieme – ha aggiunge il Custode del Sacro Convento – ci domanderemo: quali sono i principi riconosciuti da tutte le religioni per una coesistenza pacifica? Quale contributo la politica, la scienza, le culture in genere possono proporre per la definizione di un decalogo dell’umana convivenza?

Davanti all’insensata violenza che imperversa, le religioni devono donare al mondo un messaggio convergente. La politica deve compiere lo sforzo di tracciare un percorso verso l’obiettivo della giustizia e della pace tra i popoli, coniugando ogni progetto con la sostenibilità ambientale”.

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione