Dona Adesso

Visita Fondazione Santa Lucia, 22 settembre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Papa Francesco: Gioia, preghiera e gratitudine

Tweet dell’8 gennaio 2018

“Gioia, preghiera e gratitudine sono tre atteggiamenti che ci fanno vivere in modo autentico”; questo il tweet pubblicato ieri da Papa Francesco che riprende le parole pronunciate all’Angelus del 17 dicembre 2017.

Il Santo Padre ha spiegato che la vita di ciascuno è segnata da difficoltà ed angosce. “Anche quando le cose non vanno secondo i nostri desideri”, ha fatto notare il Pontefice, c’è sempre “quella gioia profonda, che è la pace: anche quella è gioia, è dentro.” L’attesa del Messia è caratterizzata da gioia e si basa “sulla preghiera perseverante”, secondo atteggiamento indicato dal Santo Padre. Pregando il fedele può stabilire una relazione stabile con Dio, “che è la fonte della vera gioia” e gratuita. Più è consolidato il legame con il Signore, più sereno diventa il fedele. “Per questo il cristiano, avendo incontrato Gesù, non può essere un profeta di sventura, ma un testimone e un araldo di gioia. Una gioia da condividere con gli altri; una gioia contagiosa che rende meno faticoso il cammino della vita.” Infine, Papa Francesco ha spiegato l’importanza di rendere grazie a Dio che è generoso, misericordioso e paziente. Gioia, preghiera e gratitudine sono dunque tre atteggiamenti che caratterizzano un vero cristiano.

About Britta Dörre

Britta Dörre è laureata in storia dell’arte, in scienza delle discipline storiche e in giurisprudenza presso l’ Università di Passau. Ha lavorato presso la Bibliotheca Hertziana a Roma (borsista, Fototeca e collaborazione scientifica presso il progetto Ars Roma) e presso l'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania presso la Santa Sede (Cerimoniale, Cultura, Stampa).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione