Dona Adesso

Piccolo Cottolengo Don Orione @ http://www.scuolainfanziadonorione.it/

Papa a Milano. Alla Messa anche trenta disabili del “Piccolo Cottolengo”

Parteciperanno alla celebrazione all’ex ippodromo di Monza. Don Ondei, direttore del centro: “Un momento per ringraziare il Papa della sua attenzione a chi soffre”

Saranno 30 i disabili provenienti dal Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano che parteciperanno sabato 25 marzo 2017 alla Messa che verrà celebrata da Papa Francesco alle ore 15 nella zona dell’ex ippodromo di Monza. Insieme a loro e agli accompagnatori, saranno presenti anche circa 200 persone provenienti dalla parrocchia di San Benedetto.

Fondato da Don Luigi Orione nel 1933 e benedetto dall’arcivescovo Ildefonso Schuster, il Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano, una vera «cittadella della carità e della preghiera», come lo definì il Cardinal Giovanni Battista Montini in occasione di una delle sue visite annuali, è un centro polivalente per anziani e disabili giovani e adulti che accoglie oltre 300 ospiti e al loro servizio c’è una comunità religiosa di sacerdoti e di suore e 300 collaboratori laici per l’accompagnamento e la cura delle persone.

L’Opera Don Orione parteciperà, inoltre, ad altri due momenti della visita del Santo Padre a Milano. Alle ore 10, i religiosi orionini saranno presenti in Duomo per l’incontro di Papa Francesco con i sacerdoti e i consacrati della diocesi di Milano. Alle ore 17.30, invece, circa 100 cresimandi della parrocchia di San Benedetto, accompagnati dai catechisti e dal viceparroco don Alessandro Digangi.

“La nostra congregazione – dichiara don Pierangelo Ondei, direttore del Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano – come tutta la città di Milano è grata al Santo Padre per questa giornata speciale. Gli ospiti del nostro centro hanno voluto fortemente partecipare alla celebrazione che si terrà a Monza, un momento importante anche per ringraziare Papa Francesco dell’attenzione particolare che da sempre rivolge a chi soffre”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione