Dona Adesso

Rifugiati, Lesbos / Wikimedia Commons - Ggia, CC BY-SA 4.0

Padre Czerny: “Maggiore coinvolgimento della società civile” nel Patto Globale per i Rifugiati

Il sottosegretario della Sezione Migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio allo Sviluppo umano integrale è intervenuto a Ginevra

Serve un impegno maggiore da parte della società civile a favore dei migranti, eliminando in particolare il traffico di esseri umani e lottando inoltre contro il fenomeno della “domanda” di persone. Lo ha affermato padre Michael Czerny SJ, rappresentante della Santa Sede presso la conferenza ONU che si sta svolgendo a Ginevra, in Svizzera.

Oggi si conclude la quinta sessione di lavoro sul Patto Mondiale per i Rifugiati, iniziata ieri, lunedì 4 settembre 2017, sul tema della migrazione sicura, ordinata e regolare, ed intitolata “Il traffico illegale di migranti, la tratta di persone e le forme contemporanee di schiavitù, inclusa l’identificazione, protezione e assistenza appropriate ai migranti e alle vittime della tratta”.

Il gesuita e sottosegretario della Sezione Migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio allo Sviluppo umano integrale ha ricordato la grande attenzione attribuita dalla Chiesa a questi temi, in quanto “causano sofferenza” ad un numero crescente di persone in tutto il mondo, come riferisce “L’Osservatore Romano” nella sua edizione di oggi, martedì 5 settembre 2017.

P. Czerny ha elencato i vari fattori di vulnerabilità: oltre alla fame e alle guerre, spiccano “la povertà, la disoccupazione, la mancanza di istruzione, la discriminazione delle donne e delle ragazze”. Per questo motivo, il gesuita canadese ha chiesto alla comunità internazionale un impegno maggiore per contrastare il fenomeno della “domanda”, ad esempio, per quanto riguarda la prostituzione e il lavoro sottopagato, che rendono purtroppo il traffico di esseri umani un’attività molto redditizia.

Si tratta di uno scenario complesso e “tristemente caratterizzato” da “nuove forme di schiavitù gestite da organizzazioni criminali che vendono e comprano uomini, donne e bambini”, ha dichiarato p. Czerny, citando il messaggio di papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2016.

Preoccupa inoltre il fatto che il numero delle vittime di questo “turpe mercato” è in continua crescita, ha ricordato il gesuita. Dai dati emerge che poco più della metà, cioè il 51%, è costituita da donne, mentre il 20% sono ragazze.

Il sottosegretario del nuovo Dicastero vaticano ha parlato di un “settore multimilionario”, il quale coinvolge a livello globale dai 21 ai 46 milioni di persone, “tra vittime di lavoro forzato, indebitamento, sfruttamento sessuale e altro”.

Il gesuita canadese ha concluso perciò il suo intervento con un appello, affinché la schiavitù “non sia un aspetto inevitabile delle attività economiche”. (pdm)

About Rosa Die Alcolea

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione