Dona Adesso

Papa & Mariella Enoc, 6 settembre 2016 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Ospedale “Bambino Gesù” pronto ad accogliere Charlie Gard

Comunicato della presidente, Mariella Enoc

La presidente del Consiglio di Amministrazione del noto ospedale pediatrico “Bambino Gesù”, che dipende dal Vaticano, Mariella Enoc, si è dichiarata disponibile ad accogliere il piccolo Charlie Gard a Roma, se i suoi genitori lo desiderano e le condizioni del piccolo lo permettono.

In un comunicato diffuso oggi, lunedì 3 luglio 2017, la Enoc cita il (secondo) tweet di papa Francesco del 30 giugno scorso: “Difendere la vita umana, soprattutto quando è ferita dalla malattia, è un impegno d’amore che Dio affida ad ogni uomo”.

“Le parole del Santo Padre, riferite al piccolo Charlie, ben riassumono la missione dell’ospedale Bambino Gesù”, dichiara la presidente, che aggiunge: “Ho chiesto al direttore sanitario di verificare con il ‘Great Ormond Street Hospital’ di Londra, dove è ricoverato il neonato, se vi siano le condizioni sanitarie per un eventuale trasferimento di Charlie presso il nostro ospedale”.

“Sappiamo che il caso è disperato e che, a quanto risulta, non vi sono terapie efficaci”, ammette la Enoc, che ha espresso la sua vicinanza ai genitori del piccolo affetto da una rara e grave malattia genetica. “Siamo vicini ai genitori nella preghiera e, se questo è il loro desiderio, disponibili ad accogliere il loro bambino presso di noi, per il tempo che gli resterà da vivere.

Attraverso il suo portavoce Greg Burke, papa Francesco era intervenuto ieri, domenica 2 luglio, sul caso. “Il Santo Padre segue con affetto e commozione la vicenda del piccolo Charlie Gard”, si leggeva in una breve nota del direttore della Sala Stampa vaticana.

La decisione dei medici dell’ospedale londinese di staccare la spina al piccolo Charlie, nato il 4 agosto scorso, è stata confermata martedì 27 giugno dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU).

About Anita Bourdin

Giornalista francese accreditata presso la Santa Sede dal 1995. Ha lanciato il servizio francese di Zenit nel gennaio 1999. Master in giornalismo. Laura in lettere classiche (Sorbonne). Abilitazione al dottorato in teologia biblica (PUG). Corrispondente a Roma di Radio Espérance.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione