Dona Adesso

Nigeria: liberato il sacerdote cattolico rapito il 4 maggio

Lo rendono noto fonti locali, precisando che il rapimento è stato un atto di criminalità non di matrice terroristica

È stato liberato padre Innocent Umor, il sacerdote cattolico rapito nei giorni scorsi in Nigeria. La notizia era stata diffusa dai media locali, che riferivano che il religioso era stato sequestrato nelle prime ore del mattino del 4 maggio nella sua parrocchia di Ikanepo, nella diocesi di Idah, nello Stato di Kogi, centro sud del paese. 

Della liberazione di padre Umor informa l’agenzia Fides padre Patrick Tor Alumuku, direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Abuja, che afferma di aver appreso a sua volta la notizia da due sacerdoti di Idah.

“Padre Umor – ha dichiarato Alumuku – è stato rilasciato due giorni dopo il rapimento. Non si conoscono le circostanze esatte della liberazione ma si sa che i rapitori si erano messi in contatto il Vescovado locale”. Il rapimento sarebbe stato comunque un atto di comune criminalità e non di matrice terroristica.  

 

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione