Dona Adesso

©Servizio Fotografico - L'Osservatore Romano

Natale: Il Papa dona 350 panettoni al carcere di Rebibbia

Un dono dei rappresentanti dell’associazione nazionale dei panificatori pasticceri

Papa Francesco si impegna e invita in modo particolare i fedeli a raggiungere le persone che vivono alla periferia, ai margini della nostra società. Nel programma delle Sue visite si trova dunque sempre un appuntamento con orfani, persone con difficoltà economiche o anche con dei detenuti.

Papa Francesco ricorda sempre ai fedeli di non dimenticare le persone meno fortunate dando un ottimo esempio: saranno trecentocinquanta i panettoni che il Papa farà consegnare ai detenuti del carcere di Rebibbia per Natale. I panettoni sono un dono dei rappresentanti dell’associazione nazionale dei panificatori pasticceri consegnato ieri, il 20 dicembre 2017, nell’ambito dell’Udienza Generale nell’Aula Paolo VI.

Il Santo Padre ha visitato i detenuti del carcere di Rebibbia il 2 aprile 2015. Dopo la “Missa in Coena Domini” Papa Francesco ha lavato e baciato i piedi a dodici detenuti.

Oltre ai panettoni, i donatori hanno presentato la proposta, “rivolta alle amministrazioni comunali italiane, di regolare e rendere automatica, per legge, la distribuzione del pane in eccedenza alle mense Caritas e alle parrocchie che accolgono le persone che nelle nostre città hanno fame”, come ha riferito l’Osservatore Romano nell’odierna edizione.

I panificatori pasticceri hanno portato anche un dono speciale: “una scultura con filoni riciclati raffigurante il volto del Papa, accanto alle raffigurazioni, sempre di pane, di una persona su una sedia a rotelle e di un barca carica di migranti“ e il „panpepato“, tipico dolce Ferrarese prodotto dalle suore in clausura. Nel XII secolo la delizia è stata inventata dalle suore in clausura in onore del papa, perciò il nome “pan del papa” o “pampepato”. I classici ingredienti del dolce sono farina, mandorle, canditi di cedro, spezie e latte.

About Staff Reporter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam vitae libero quis nunc porta viverra. Suspendisse ultricies, metus vel condimentum viverra, augue nisi aliquam mi, cursus posuere velit lacus eu metus. Phasellus elementum eros viverra dignissim interdum. Praesent sed consectetur nulla. Suspendisse eget bibendum purus. Sed ut dui a tortor ullamcorper condimentum at nec nibh. Pellentesque suscipit vulputate faucibus.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione