Dona Adesso
Radio Maria

WIKIMEDIA COMMONS

Nasce Radio Mariam, la voce dei cristiani del Medio Oriente

Al via, il prossimo 8 dicembre, le trasmissioni della nuova emittente in lingua araba della Famiglia di Radio Maria, presentata al Papa il 28 ottobre scorso

Prenderanno il via il prossimo martedì 8 dicembre, Solennità dell’Immacolata ed inizio del Giubileo della Misericordia, con una Benedizione in diretta le trasmissioni di “Radio Mariam”, la nuova Radio Maria in lingua araba dedicata alle comunità cristiane di lingua araba di tutto il mondo. La nuova emittente, ultima nata all’interno della World Family of Radio Maria – network radiofonico planetario che conta 80 radio in altrettanti Paesi – è stata presentata al Santo Padre Francesco durante l’Udienza privata del 29 ottobre scorso.

Il progetto vuol essere non solo un dono in grado di portare conforto e unione per le chiese cristiane perseguitate in paesi in guerra come l’Iraq e la Siria, ma anche un nuovo segno di Pace e Riconciliazione tra le differenti comunità di tutta l’area mediorientale. Comunità antichissime che, com’è noto, oggi rischiano l’estinzione a causa di deportazioni, violenze ed esodi forzati, ma che d’ora in avanti avranno a disposizione uno strumento prezioso per diffondere ovunque la loro voce e tenere viva una grande tradizione religiosa comune a tutti i cristiani del mondo.

Le trasmissioni di Radio Mariam saranno mandate in onda via web sul sito www.radiomariam.org e via satellite da uno Studio centrale e da alcuni Studi mobili dislocati in diverse regioni del Medio Oriente, grazie alla collaborazione e al supporto delle Diocesi locali. Sarà possibile ascoltare “Radio Mariam” attraverso il sito internet e tramite l’applicazione per smartphone e tablet “Radio Maria World Family”, disponibile per le piattaforme Apple, Android e Windows Phone. La radio è anche presente su Twitter (@MariamRadio) e su Facebook (Radio Mariam مريم راديو).

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione