Dona Adesso
Padre Félix Varela

Wikimedia Commons

Mons. Paglia nominato postulatore della causa di beatificazione di padre Félix Varela

Il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia assisterà a Cuba al Simposium dedicato alla vita e all’opera di colui che è considerato “padre della Patria”

Mons. Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, ha confermato di essere stato nominato, per volere dell’arcivescovo de La Habana cardinale Jaime Ortega, nuovo postulatore della causa di beatificazione di padre Félix Varela, evangelizzatore a Cuba e negli Stati Uniti.
Il presule – informa Il Sismografo – assisterà a Cuba al Simposium dedicato alla vita e all’opera del Venerabile servo di Dio, considerato il più illustre e amato sacerdote dell’isola, nonché uno dei padri della patria. A Cuba su padre Varela si dice: “Colui che ci insegnò a pensare” e la più alta Onorificenza dello Stato caraibico dal 1981 porta il suo nome.
Nato all’Avana nel 1788, Varela a 23 anni viene ordinato sacerdote e a 24 è nominato professore di filosofia, fisica ed Etica nel seminario della capitale. Qui prepara il primo laboratorio di fisica e chimica del Paese. Nella storia della cultura cubana il padre Felix Varela occupa un posto di preminenza per il suo contributo allo sviluppo della cultura nazionale, come patriota e per la sua virtù. È stato professore, educatore e modello di pietà per i suoi discepoli. Nel 1821, a 33 anni, diventa deputato ed inviato come rappresentante di Cuba alle Corti di Madrid.
Le sue tre proposte di legge in Spagna furono: un governo per le provincie di oltremare, l’indipendenza e l’abolizione della schiavitù. A Madrid organizza un gruppo con i rappresentanti di alcune altre provincie di oltremare, per migliorare la difesa dei diritti comuni. Nessuna delle sue proposte viene approvata e, con il ristabilimento dell’assolutismo monarchico, nel 1823 lascia la Spagna; non potendo ritornare a Cuba, si auto esilia negli Stati Uniti, a New York, da dove continua la sua battaglia. Fu un sacerdote esemplare, si occupò della costruzione di chiese e scuole, ed evangelizzò i poveri e immigranti, aiutando la loro integrazione. Morì negli Stati Uniti nel febbraio 1853. Il suo corpo riposa nell’Aula Magna dell’Università dell’Avana.
Nato nel passaggio cruciale tra due secoli, Felix Varela ha saputo fare propri i desideri dinanzi agli interroganti della ragione, preservando l’essenza della cultura cristiana e allo stesso tempo aprendosi alle nuove esigenze del pensiero. Sulle provincie di oltremare scrisse: “Le leggi si inumidiscono, attraversando l’oceano e vengono sostituite dalla volontà dell’uomo”.
[Fonte: Santiebeati]

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione