Dona Adesso

Meriam è arrivata negli Stati Uniti

La donna sudanese condannata per apostasia è giunta stanotte a Philadelphia. Le sue prime parole: “È la fine di un incubo”

“È la fine di un incubo”. Sono queste le prime parole pronunciate da Meriam Yahya Ibrahim, la donna sudanese condannata a morte nel suo Paese per apostasia ed espatriata con l’intervento del governo italiano, appena giunta negli Stati Uniti con un volo proveniente da Roma. Meriam e la sua famiglia sono arrivati stanotte all’aeroporto di Filadelfia, dove hanno fatto scalo prima di trasferirsi a Manchester, nel New Hampshire. È qui che vogliono trasferirsi, dove già vive un fratello del marito.

Ad accogliere la donna, il marito e i loro due figli, una decina di persone, oltre al sindaco di Filadelfia, Michael Nutter. Quest’ultimo ha paragonato la vicenda di Meriam a quella di Rosa Parks, icona della lotta per i diritti civili dei neri dopo che si rifiutò di cedere il suo posto in autobus a un bianco, e le ha regalato una riproduzione della Liberty bell, simbolo di Filadelfia e dell’indipendenza americana. Nei giorni scorsi Meriam e la sua famiglia erano stati ricevuti in Vaticano da papa Francesco, il quale l’aveva ringraziata per la sua “testimonianza di fede”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione