Dona Adesso

Medio Oriente: 13 milioni di bambini senza istruzione

Lo rende noto un rapporto Unicef. Circa 9000 istituti scolastici inutilizzabili in Siria, Iraq, Yemen e Libia, perché distrutti o utilizzati come centri accoglienza per rifugiati

Sono oltre 13 milioni i bambini in Medio Oriente privati dell’educazione a causa dei conflitti che agitano la regione. Lo rende noto un rapporto dell’Unicef dal titolo Education under fire (Istruzione sotto attacco), sottolineando che “le speranze di un’intera generazione vengono schiacciate”.

In Siria, in Iraq, Yemen e Libia, circa 9000 istituti scolastici sono inutilizzabili, o perché sono stati danneggiati o distrutti o perché vengono usati come basi dalle parti in conflitto o come Centri di accoglienza per i rifugiati.

“Non si tratta solo dei danni materiali inferti alle strutture”, ha sottolineato il direttore regionale di Unicef per il Medio Oriente e il Nord Africa, Peter Salama, “quanto della disperazione di un’intera generazione di bambini in età scolare che vedono le loro speranze disattese e il loro futuro cancellato”.

I 13,7 milioni di bambini privati del diritto allo studio – riporta l’agenzia Misna – rappresentano circa il 40% dell’intera popolazione scolastica di Siria, Iraq, Yemen, Libia, Giordania, Turchia, Territori Palestinesi e Sudan e l’Unicef teme che la cifra possa raggiungere il 50% entro pochi mesi. In Siria, in modo particolare, una scuola su quattro ha chiuso le porte da marzo 2011 ad oggi, con effetti immediati su oltre due milioni di studenti.

​Nel rapporto Unicef si denuncia inoltre che “l’uccisione, il sequestro e gli arresti arbitrari” di educatori e personale scolastico sono divenuti episodi comuni nella regione. Per questo motivo migliaia di insegnanti sono fuggiti dai paesi d’origine.  

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione