Dona Adesso

“Mai più vengano scritte pagine di guerra nella storia umana”

La preghiera di mons. Santo Marcianò durante la cerimonia commemorativa, a Monte San Michele, del centenario dell’ingresso dell’Italia nella prima Guerra mondiale

“Nel giorno in cui rievochiamo l’entrata dell’Italia in un conflitto devastante e straziante, il nostro sguardo ci aiuta a dar voce al silenzio, ai sentimenti più profondi e commossi del cuore”. Così, l’arcivescovo ordinario militare per l’Italia, Santo Marcianò, ha introdotto la sua invocazione per la pace, domenica 24 maggio, a Monte San Michele, in provincia di Gorizia, in occasione della cerimonia commemorativa del centenario dell’ingresso nel primo conflitto mondiale.

L’evento – riferisce L’Osservatore Romano – si è svolto proprio nel luogo che fu teatro di tante sanguinose battaglie della Grande guerra, e ha visto la partecipazione, tra gli altri, del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del ministro della Difesa, Roberta Pinotti.

Era infatti la notte tra il 23 ed il 24 maggio di cento anni fa, quando l’Italia decise di entrare in guerra, prendendo parte a quella che Benedetto XV definì “una inutile strage” che ha lasciato sul campo 17 milioni di vittime, di cui oltre un milione e duecentomila italiani. Per mons. Marcianò la severa lezione della storia deve essere monito e guida anche per i nostri giorni, affinché “mai più vengano scritte pagine di guerra nel futuro della storia umana”, come recita la speciale preghiera pronunciata nell’occasione.

“Guardiamo alla storia — ha esortato il presule — al passato, tragedia da non dimenticare; al presente, memoria da purificare; al futuro, storia che si può ancora e sempre cambiare. Guardiamo a quei confini che la guerra, nella sua follia, cercava continuamente di riconquistare: e quasi vi scorgiamo i lineamenti del volto della nostra Italia, le tracce di un’identità nazionale forte, ricca di cultura, arte, grandi valori; così, osiamo sognare un mondo in cui i confini non siano più trincee da difendere con forza, ma braccia da aprire, con accogliente fraternità”.

L’ordinario militare ha quindi lanciato un chiaro appello a contrastare la tentazione della divisione e a costruire senza sosta il bene comune. “Guardiamo — ha proseguito — al nostro essere qui insieme e percepiamo il senso di Patria per il quale, insieme, hanno combattuto gli italiani: ci inchiniamo grati, dinanzi ai nostri padri, che ora riposano assieme ai caduti di tutti i Paesi; e raccogliamo il pressante invito all’unità, da essi pagata con tributo di sangue convinto e generoso, e oggi affidata alla nostra maturità responsabile di uomini e di cittadini”.

E, nel giorno in cui la Chiesa celebra la solennità della Pentecoste, “dono dello Spirito che fa nuove tutte le cose”, “guardiamo in Alto» – ha concluso il vescovo -, “invocando Dio con il Nome e il grido che ciascuno custodisce nel cuore», così che «la memoria si fa supplica, il dolore si fa speranza, l’impegno si fa preghiera”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione