Dona Adesso

Limiti e meriti della teologia della Liberazione

Mons. Krzysztof Charamsa illustra due volumi sul tema pubblicati dalla Libreria Editrice Vaticana

Nonostante siano pochi coloro che  sanno di che si sta parlando, sono invece molti ad esprimere pregiudizi e valutazioni ideologiche in un senso o nell’altro.

Per far luce su un tema che è stato al centro del dibattito teologico per almeno tre decenni, ZENIT ha intervistato Mons. Krzysztof Charamsa, segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale, ufficiale della Congregazione per la dottrina della fede, docente di teologia dogmatica alla Pontificia Università Gregoriana e all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a Roma

Per molti cattolici europei la teologia della liberazione è sinonimo di militanza comunista. Cosa ha detto a tal proposito la Congregazione per la dottrina della fede?

Nell’immaginario comune effettivamente molte volte rimane ancora la convinzione da lei accennata. La Congregazione per la dottrina della fede ha affrontato la questione nelle sue due istruzioni su alcuni aspetti della teologia della liberazione: Libertatis nuntius, pubblicata nel 1984, e Libertatis conscientia del 1986. In particolare nel primo testo si trova una sintetica riflessione sul rapporto tra il pensiero teologico e la cosiddetta “analisi marxista” (Libertatis nuntius, cap. VII). Infatti, bisogna riconoscere che i teologi della liberazione, con competenza e serietà, cercavano una conoscenza scientifica della situazione intollerabile ed esplosiva della povertà e della miseria. In questo ambito si confrontavano con la filosofia e con il metodo di analisi marxista. Ma bisogna anche riconoscere che tale confronto necessita sempre un attento discernimento di criteri epistemologici che il teologo intende adoperare. A tale riguardo interveniva la Congregazione, rilevando come alla lettura marxista della realtà sociale sono presupposti certi a priori ideologici e inconciliabili con la concezione cristiana dell’uomo e della società e, conseguentemente, con la riflessione teologica su tali realtà. Così si metteva in guarda da certi approcci della teologia della liberazione che potevano ingenerare una grave ambiguità nell’animo dei loro lettori.

Di recente sono stati ripubblicati dalla Libreria Editrice Vaticana i documenti da lei menzionati in due volumi, uno sull’istruzione Libertatis nuntius su alcuni aspetti della teologia della liberazione e l’altro sull’istruzione Libertatis conscientia su libertà cristiana e liberazione. Può spiegarci di che si tratta?

Si tratta di due nuovi libri della collana Documenti e studi, che stiamo curando nella Congregazione e per cui personalmente, all’interno del Dicastero, sono responsabile da qualche anno. È una collezione di volumi, dove vengono raccolti i maggiori documenti della Congregazione, riproposti nell’originale latino e nella traduzione italiana, insieme ad un’introduzione del Cardinale Prefetto, che ne ripresenta l’insegnamento nel contesto attuale, e a commenti preparati da esperti teologi che ne illustrano i temi principali. La serie è uno degli strumenti divulgativi della promozione della conoscenza della dottrina della fede anche nel più vasto pubblico di lettori.

Le due istruzioni pubblicate nei volumi 9 e 10 della serie, costituiscono in sé un’unità logica. Mentre il primo documento rileva piuttosto i principi che devono guidare un’autentica teologia della liberazione, mettendo in guardia da possibili lacune o errori, il secondo testo è più propositivo ed indica la strada di uno sviluppo coerente della teologia della liberazione, che nasce dall’accoglienza del messaggio biblico sulla libertà e sulla liberazione ed è legata alla tradizione della dottrina sociale della Chiesa.

Quali errori e quali meriti si possono trovare nella teologia della liberazione?

Penso che il primo errore è stato accennato pocanzi ed è costituito proprio da un non sufficiente discernimento dell’epistemologia marxista non di rado adottata nel passato. Mentre tra i meriti sottolineerei l’amore preferenziale per i poveri (cfr. Documento di Puebla, n. 382). La forte presa di coscienza di questo specifico carattere della missione della Chiesa nella storia, che sta in un’opzione preferenziale per i poveri (Puebla, nn. 733, 1134), a lungo andare e giustamente compreso, è stato indubbiamente un merito specifico e un impegnativo dono della sensibilità latino-americana per la Chiesa intera e per la riflessione teologica in ogni parte del mondo. I teologi della liberazione hanno ricordato a tutti il carattere spiccatamente evangelico dell’opzione per i poveri, della necessaria e continuamente rinnovabile sensibilità ecclesiale per tutte le forme di povertà.

Di fatto, molti osservano che la teologia della liberazione ha denunciato gravi situazioni di ingiustizia sociale. Cosa può fare la Chiesa per aiutare le vittime senza entrare in politica?

Risponderei con due immagini. La prima la colgo dalla copertina del nostro primo volume sulla teologia della liberazione. È l’immagine del Risorto di Perugino. I cristiani guardano tutta la realtà a partire da quella liberazione che ci ha portato il Signore Gesù, piegato sotto il giogo della croce, fattosi povero tra i poveri, ma risorto per la nostra salvezza. È a partire da questa alta prospettiva spirituale della liberazione che la Chiesa intende mettersi a fianco delle vittime di ingiustizie, di marginalizzazioni e di stigmatizzazioni, di odi e di violenze, di povertà inaccettabili.

Il secondo messaggio lo colgo dalla zelante esortazione apostolica di papa Francesco Evangelii gaudium (24 novembre 2013) che, in maniera programmatica, riprendeva l’insegnamento precedente e plasticamente identificava quattro principi spirituali, proprio senza entrare in politica, ma per avanzare nella costruzione dei popoli in pace, giustizia e fraternità. I principi che orientano lo sviluppo della convivenza sociale e la costruzione di un popolo in cui le differenze si armonizzino all’interno di un progetto comune (n° 221) ma anche i principi universali della dottrina sociale della Chiesa nel venire incontro alle vittime di povertà. Le quattro immagini paradigmatiche del Papa che qui elenco, rinviando al suo magistero, sono: “il tempo è superiore allo spazio” (nn. 222-225), “l’unità prevale sul conflitto” (nn. 226-230), “la realtà è più importante dell’idea” (nn. 231-233) e “il tutto è superiore alla parte” (nn. 234-237). Sono convinto che oggi, per aiutare chi soffre, per mettersi a fianco delle vittime delle ingiustizie e dell’odio, per dare la mano a tutti i lebbrosi ingiustamente emarginati, per affrontare le varie forme della povertà, abbiamo il dovere di far nostro il programma della Evangelii gaudium, di accoglierlo, rifletterne sulla sua visione profetica e farci missionari della gioia di Dio, del Suo conforto e della Sua consolazione per l’umanità.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione