Dona Adesso
Taiwan

Pixabay - CC0

Libertà religiosa: Santa Sede e Taiwan più vicine

Durante la sua visita a Taipei, il cardinale Versaldi ha incoraggiato i cattolici locali e ha insistito sull’importanza dell’“inculturazione” della fede

L’inculturazione della fede è necessaria per tutti i popoli, anche laddove il cristianesimo sia arrivato più di recente o sia minoranza. Il tema è stato affrontato dal cardinale Giuseppe Versaldi, prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica, in occasione del simposio Il terzo millennio: inculturazione della Chiesa Cattolica, svoltosi a Taiwan nei giorni scorsi.

Secondo quanto riferisce l’Osservatore Romano, il porporato ha attinto alla lezione del Concilio Vaticano II e, in generale, al magistero pontificio, per sottolineare l’evangelizzazione come “missione perenne” della Chiesa.

L’inculturazione del Vangelo, ha aggiunto Versaldi, è necessaria anche in Cina, per salvaguardare l’unità della Chiesa ma anche nella consapevolezza dei tesori che quella terra può offrire.

Dopo aver ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Cattolica Fun Jei di Taipei, il cardinale Versaldi ha visitato la facoltà di teologia “San Roberto Bellarmino”, dove ha incoraggiato docenti e studenti a proseguire nel cammino formativo.

Successiva meta del prefetto per l’Educazione Cattolica è stata l’Università della Divina Provvidenza di Taichung, dove ha incontrato docenti e allievi impegnati in attività di evangelizzazione.

Versaldi si è poi recato al Congresso Eucaristico Nazionale, dove ha portato i saluti di papa Francesco per i 10mila fedeli lì radunati e ha dato la benedizione finale.

In conclusione, il porporato ha incontrato le autorità civili, con le quali si sta prospettando l’estensione dell’accordo del 2011 – già in vigore per le università cattoliche – a favore delle scuole materne ed elementari.

Ne è emerso che, nonostante il loro numero ridotto, i cattolici di Taiwan sono particolarmente attivi in campo assistenziale, educativo e caritativo. Nell’isola asiatica si sta cercando un accordo tra Stato e Chiesa per una piena libertà di educazione da parte delle scuole cattoliche e per il diritto dei genitori di educare i figli, secondo le proprie convinzioni.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione