Dona Adesso

Card. Giovanni Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi - Foto © Screenshot, CTV

Legion d’onore a mons. Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato

L’altissima onorificenza consegnata ieri dall’ambasciatore di Francia presso la Santa Sede, Philippe Zeller, durante una cerimonia a Villa Bonaparte

Il sostituto della Segreteria di Stato, arcivescovo Angelo Becciu, ha ricevuto le insegne di commendatore della Legion d’onore. L’altissima onorificenza – riferisce L’Osservatore Romano – gli è stata consegnata dall’ambasciatore di Francia presso la Santa Sede, Philippe Zeller, durante una sobria cerimonia svoltasi nel tardo pomeriggio del 1° dicembre a Villa Bonaparte.

All’elogio caloroso dell’ambasciatore, pronunciato parte in italiano e parte in francese, il prelato ha risposto in francese ringraziando per il riconoscimento. Ricordando i suoi legami con il paese, dove è stato consigliere della nunziatura a Parigi, ha enumerato i diversi santuari visitati, da Sainte-Anne d’Auray in Bretagna a Mont-Sainte- Odile in Alsazia. “Ho imparato ad amarlo — ha detto Becciu — nei suoi uomini e nelle sue donne, nei suoi talenti e nelle sue stesse contraddizioni, ma soprattutto nella sua fede passata e presente”.

L’alto riconoscimento ricevuto, ha aggiunto, non è un privilegio ma “un impegno rinnovato a pregare” per la Francia. Citando poi Le génie du christianisme di Chateaubriand e l’enciclica Laudato si’, l’arcivescovo Becciu ha sottolineato l’importanza di non trascurare l’eredità che la Francia ha ricevuto dalla sua storia. Riprendendo poi una frase di Jacques Maritain in Christianisme et démocratie il sostituto ha detto che “non solo lo stato dello spirito democratico proviene dall’ispirazione evangelica ma non può sussistere senza di essa”.

Oltre a rappresentanti del corpo diplomatico ed ecclesiastici, alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il cardinale Jean-Louis Tauran e l’assessore della Segreteria di Stato, monsignor Paolo Borgia.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione