Dona Adesso
The Colombian government and Farc rebels holding peace talks in Havana

Flickr https://www.flickr.com/photos/farc-epaz/16612790854/ - Delegación de paz de las FARC-EP

Le Farc “desiderano” incontrare il Papa a Cuba

In un messaggio, il numero 2 della guerriglia parla di “aspirazione” di incontrare Francesco come incoraggiamento allo sforzo per la riconciliazione dopo decenni di scontri

Le Farc (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia), la più antica guerriglia del mondo, hanno espresso oggi il desiderio di poter incontrare Papa Francesco a Cuba, in occasione del viaggio del Pontefice in programma i prossimi 19-22 settembre.

“Per noi è un’aspirazione”, sottolinea in un messaggio diffuso in giornata il ‘numero 2’ delle Farc, Iván Márquez, conosciuto come Luciano Marín Arango. “Mi piacerebbe molto e lo riteniamo un qualcosa di straordinario”, afferma. “Immaginiamo l’impatto che potrebbe avere il sostegno di Papa Francesco allo sforzo che stiamo facendo tutti noi colombiani per raggiungere la nostra riconciliazione dopo decenni di scontri”.

Sono oltre due anni che, a La Habana, una delegazione del più alto livello delle Farc sta negoziando la pace definitiva nella nazione sudamericana – dopo più di mezzo secolo di violenze – con un’altra delegazione del governo colombiano del presidente Manuel Santos. Responsabili hanno precisato di aver già avviato i contatti necessari per rendere concreta la “aspirazione” di incontrare il Santo Padre. 

Se Papa Francesco accettase, non sarebbe il primo Pontefice a ricevere in Udienza leader di movimenti armati. Già in passato – ricorda il sito Il Sismografo – Papa Paolo VI suscitò un grandissimo clamore mediatico ricevendo, il 1° luglio 1970, in Vaticano, i tre principali leader che in quei anni guidavano movimenti armati contro Lisbona nelle allora colonie portoghese. Erano Amílcar Cabral, Agostinho Neto e Marcelino dos Santos. L’incontro avvenne al termine della “Conferenza Internazionale di Solidarietà con i Popoli delle colonie portoghesi” e provocò non poche polemiche.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione