Dona Adesso

Le famiglie di oggi, tra crisi antropologica ed emergenze sanitarie

A 20 anni dalla “Evangelium vitae”, mons. Carmine Arice, direttore dell’Ufficio CEI per la Pastorale della Sanità, indica le nuove sfide del contesto attuale

Nel colloquio, Arice riflette sulla storica enciclica di San Giovanni Paolo II, di cui ricorrevano ieri i 20 anni dalla pubblicazione, che – afferma – rimane uno dei capisaldi del contesto socio culturale moderno, nonostante “nell’ultimo ventennio la crisi antropologica si sia acuita, le situazioni peggiorate e le persone sembrino essere più oppresse”.

“La forbice tra libertà e verità si sta allargando, i diritti dei deboli, dei concepiti, delle donne, degli anziani, dei malati, sembrano sempre più fragili, invece dovrebbero essere prioritari”, dice mons. Arice. E rimarca che, nel momento attuale, “annunciare il Vangelo della vita diventa sempre più rilevante” e che la Chiesa “è impegnata a portare e diffondere il Vangelo che accende luci”.

Tuttavia – soggiunge – nel contesto ecclesiale “non è sufficiente annunciare, bisogna infatti promuovere e soprattutto accompagnare, farsi cioè compagni di viaggio. Una pratica pastorale, questa, di cui Papa Francesco è maestro perchè denuncia il male che c’è e nel contempo si fa compagno di viaggio di tutte le persone ferite. Questo è un modo concreto di testimoniare il Vangelo della Vita”.

Alla domanda su come la Misericordia si intrecci al Vangelo della vita, il direttore dell’Ufficio CEI per la Pastorale della Sanità, spiega che “la Misericordia è il nome di Dio”: “La declinazione della misericordia si pratica operando il perdono nei confronti di chi è caduto. La misericordia è l’atteggiamento del buon samaritano, il comportamento del credente, il sussulto del cuore che si muove e si piega verso la persona bisognosa”.   

“Da quanto dice Papa Francesco – aggiunge – mi pare di capire che la Misericordia è lo stile di vita cristiana, che non copre solo un ambito della vita ecclesiale ma la prende a tutto tondo. E’ in quel contesto che l’accompagnamento si fa perdono”. Il presule confessa quindi la sua meraviglia per l’annuncio del Pontefice di un Anno Santo della Misericordia: “Ha sorpreso tutti, ma ci si adeguerà testimoniando l’autentico stile di vita cristiana”.

Mons. Arice sposta poi lo sguardo sulla sanità italiana e sulle emergenze che essa deve affrontare oggi. Per quanto riguarda la qualità delle cure, dice, “l’Italia ha molti settori di eccellenza, un fiore all’occhiello di livello internazionale”. Il problema però rimane quello “dell’accesso alle cure per tutti”.

“Gli indigenti infatti – sottolinea – fanno sempre più fatica a poter essere raggiunti dalle cure sanitarie. L’esempio classico è quello delle cure dentistiche. La gente rinuncia perché non ha denari sufficienti per affrontare le cure dentistiche, e questo è un problema enorme”.

Inoltre, ci sono due questioni, tanto importanti quanto irrisolte, che sono le malattie neurodegenerative e di disabilità mentali. In Italia oltre un milione di persone sono affette dal morbo di Alzheimer, e una grande quantità di persone di età superiore ai 65 anni non è utosufficiente e grava sulle famiglie, osserva il monsignore. Notevole anche l’incremento di malattie psichiatriche connesse al deterioramento della salute mentale. “Si tratta – dice – di due grandi emergenze che gravano per lo più sulle famiglie, generando disagi e problemi di dimensione sempre più grande”.

Per questo motivo, il direttore della Pastorale della Sanità della CEI invita all’unità ed alla riflessione delle parti coinvolte per affrontare seriamente queste emergenze. Al di là di un tecnicismo esasperato, vi è infatti “un urlo silenzioso della domanda di senso della vita che emerge sempre più forte”. Ovvero, “perché vale la pena di vivere?”. “La vera sfida – conclude Arice – è rispondere a questa domanda”.


About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione