Dona Adesso

L’arcidiocesi di Catanzaro si prepara al Giubileo dei Giornalisti

Giovedì prossimo il passaggio della Porta Santa. A seguire, la santa messa celebrata dall’arcivescovo Vincenzo Bertolone

Nell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, in occasione dell’Anno Santo della Misericordia, voluto da Papa Francesco, si celebrerà giovedì 21 gennaio, ore 16.30, il Giubileo dei Giornalisti.

L’evento celebrativo è promosso dall’ufficio diocesano per Comunicazioni Sociali, in collaborazione con l’Ordine Regionale dei Giornalisti della Calabria e con il Movimento Apostolico, che sta promuovendo diversi appuntamenti diocesani sul tema della misericordia.

L’incontro inizierà alle ore 16.30, nella sala “Sancti Petri” dell’Arcivescovado di Catanzaro,  con la riflessione sul tema: Misericordia e Comunicazione.

Interverranno: don Giovanni Scarpino, direttore dell’Ufficio Comunicazioni;  don Gesualdo De Luca, Assistente regionale del Movimento Apostolico ed il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria, Dott. Giuseppe Soluri. Concluderà la riflessione S.E. Mons. Vincenzo Bertolone, Arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace e Presidente della Conferenza Episcopale Calabra. Alle ore 17.15, dopo il passaggio dalla Porta Santa* della Chiesa Cattedrale, seguirà la Santa Messa presieduta dall’arcivescovo.

Papa Francesco così si esprimeva parlando, sul tema dell’informazione, nel messaggio per la XLIX giornata mondiale delle comunicazioni sociali: “La sfida che oggi ci si presenta è, dunque, reimparare a raccontare, non semplicemente a produrre e consumare informazione. È questa la direzione verso cui ci spingono i potenti e preziosi mezzi della comunicazione contemporanea. L’informazione è importante ma non basta, perché troppo spesso semplifica, contrappone le differenze e le visioni diverse sollecitando a schierarsi per l’una o l’altra, anziché favorire uno sguardo d’insieme”.

L’appuntamento di Catanzaro vuole chiedere ai giornalisti di concentrarsi sul potere delle parole e dei gesti per superare le incomprensioni, per guarire le memorie, per costruire la pace e l’armonia. Dialogo, comprensione e riconciliazione tra giornalisti e territorio! È quello che questo tempo della misericordia raccomanda, per rafforzare il bene comune in una società più libera e connessa alla verità della Parola!

Don Francesco Cristofaro, ideatore della rubrica Nella fede della Chiesa, su Tele Padre Pio, CH145-Sky 852, registrerà per l’emittente nazionale di San Giovanni Rotondo, un reportage esclusivo sull’evento giubilare.

*Per vivere e ottenere l’indulgenza i fedeli sono chiamati a compiere un breve pellegrinaggio verso la Porta Santa, aperta in ogni Cattedrale o nelle chiese stabilite dal Vescovo diocesano. È importante che questo momento sia unito, anzitutto, al Sacramento della Riconciliazione e alla celebrazione della santa Eucaristia con una riflessione sulla misericordia.  Sarà necessario accompagnare queste celebrazioni con la professione di fede e con la preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre, per il bene della Chiesa e del mondo intero.

About Egidio Chiarella

Egidio Chiarella, pubblicista-giornalista, ha fatto parte dell'Ufficio Legislativo e rapporti con il Parlamento del Ministero dell'Istruzione, a Roma. E’ stato docente di ruolo di Lettere presso vari istituti secondari di I e II grado a Lamezia Terme (Calabria). Dal 1999 al 2010 è stato anche Consigliere della Regione Calabria. Ha conseguito la laurea in Materie Letterarie con una tesi sulla Storia delle Tradizioni popolari presso l’Università degli Studi di Messina (Sicilia). E’ autore del romanzo "La nuova primavera dei giovani" e del saggio “Sui Sentieri del vecchio Gesù”, nato su ZENIT e base ideale per incontri e dibattiti in ambienti laici e religiosi. L'ultimo suo lavoro editoriale si intitola "Luci di verità In rete" Editrice Tau - Analisi di tweet sapienziali del teologo mons. Costantino Di Bruno. Conduce su Tele Padre Pio la rubrica culturale - religiosa "Troppa terra e poco cielo".

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione