Dona Adesso

La Ruta mariana: cinque mete per incontrare Maria

Il 3 dicembre, presso la casa di Santa Francesca Romana, verrà raccontato e presentato il tradizionale itinerario presso cinque santuari mariani

Il prossimo 3 dicembre alle 11 presso la casa di Santa Francesca Romana (via dei Vascellari 61, a Roma) viene presentata alla stampa e agli operatori del turismo la “Ruta mariana”, il tradizionale itinerario di fede che attraversa ed unisce cinque dei più famosi santuari mariani in Europa: il Pilar (Saragozza), Torreciudad (Huesca), Lourdes (Francia), Meritxell (Principato di Andorra) e Montserrat (Barcellona).

Il Pilar, Torreciudad, Lourdes, Meritxell, e Montserrat. Sono questi i cinque santuari dedicati alla Madonna, che in un percorso che abbraccia tre paesi differenti e confinanti tra loro, la Spagna (l’Aragona e la Catalonia), la Francia (gli Alti Pirenei) ed il Principato di Andorra, compongono la Ruta Mariana, un antico itinerario che unisce la fede e la devozione mariana, ad un percorso attraversato da una grande ricchezza artistica, con meravigliosi paesaggi naturali ed itinerari di eccellenze gastronomiche.

Questo tragitto è  una delle mete di pellegrinaggi religiosi più visitate al mondo, sia da cittadini europei, che da turisti provenienti soprattutto dal centro e dal sud America. Ogni anno infatti sono circa 12 milioni le persone che percorrendo la Ruta si recano ai cinque santuari. E la Ruta, verrà raccontata e presentata a Roma attraverso parole ed immagini, il prossimo 3 dicembre alle 11 presso la Casa di Santa Francesca Romana (via dei Vascellari 61).

La devozione alla Vergine Maria è presente dalle origini della Chiesa. Già nei testi evangelici, è possibile osservare la particolare attenzione che Gesù mostrava nei confronti di sua Madre.

Il culto mariano possiede senza dubbio un carattere molto particolare e speciale: mai invano si venera Maria, la madre di Cristo. Nessuna delle immagini conosciute riproduce il viso autentico di Maria, ma tutte insieme ci mostrano il cammino per arrivare a lei e ricevere il suo aiuto e la sua protezione.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione