Dona Adesso

Angelus / Foto: Francesco Sforza - © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

La preghiera del Papa per Congo, Pakistan e Iraq

Parole pronunciate da Papa Francesco oggi, 19 febbraio 2017, al termine dell’Angelus

Riportiamo di seguito il testo completo delle parole pronunciate da Papa Francesco oggi, 19 febbraio 2017, al termine dell’Angelus.

***

Cari fratelli e sorelle,  continuano purtroppo a giungere notizie di scontri violenti e brutali nella regione del Kasai Centrale della Repubblica Democratica del Congo. Sento forte il dolore per le vittime, specialmente per tanti bambini strappati alle famiglie e alla scuola per essere usati come soldati.

Questa è una tragedia, i bambini soldati. Assicuro la mia vicinanza e la mia preghiera, anche per il personale religioso e umanitario che opera in quella difficile regione; e rinnovo un accorato appello alla coscienza e alla responsabilità delle Autorità nazionali e della Comunità internazionale, affinché si prendano decisioni adeguate e tempestive per soccorrere questi nostri fratelli e sorelle.  Preghiamo per loro e per tutte le popolazioni che anche in altre parti del Continente africano e del mondo soffrono a causa della violenza e della guerra. Penso, in particolare, alle care popolazioni del Pakistan e dell’Iraq, colpito da crudeli atti terroristici nei giorni scorsi. Preghiamo per le vittime, per i feriti e i familiari. Preghiamo ardentemente che ogni cuore indurito dall’odio si converta alla pace, secondo la volontà di Dio. Preghiamo un attimo in silenzio. [Ave Maria…]

Saluto tutti voi, famiglie, associazioni, gruppi parrocchiali e singoli pellegrini provenienti dall’Italia e da varie parti del mondo.  In particolare, saluto gli studenti di Armagh (Irlanda), i fedeli delle diocesi di AsidoniaJerez, Cádiz y Ceuta e Madrid in Spagna; il Movimento giovanile Guanelliano, i cresimandi di Castelnuovo di Prato e i pellegrini di Modena e Viterbo.

A tutti auguro una buona domenica – una bella giornata! [indica il cielo azzurro]. E per favore, non dimenticatevi di pregare per me.  Buon pranzo e arrivederci!

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione