Dona Adesso

“La libertà di religione è un diritto umano fondamentale”

I cardinali e i patriarchi intervengono al Concistoro sul Medio Oriente. Trenta gli interventi in totale, tutti orientati a ribadire l’esigenza della pace e della riconciliazione nella regione

Si è aperto con il saluto del Santo Padre il Concistoro Ordinario Pubblico di oggi indetto dal Papa per informare i membi del Collegio cardinalizio sulla situazione dei cristiani in Medio Oriente. 86 tra cardinali, patriarchi e superiori della Segreteria di Stato erano presenti oggi all’incontro nell’Aula del Sinodo, in Vaticano.

Dopo l’intervento del Pontefice, è seguita la relazione del Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, sull’incontro dei Nunzi e dei Rappresentanti diplomatici in Medio Oriente svoltosi in Vaticano dal 2 al 4 ottobre. Quindi, la parola è passata ai porporati e ai patriarchi presenti. Quest’ultimi, in particolare, hanno descritto situazioni e problemi principali delle rispettive Chiese nei rispettivi Paesi: Iraq, Siria, Egitto, Terra Santa, Giordania, Libano….

In totale – riferisce un comunicato della Sala Stampa vaticana – gli interventi sono stati una trentina. Quasi tutti si sono articolati su principi comuni: l’esigenza della pace e della riconciliazione in Medio Oriente, la difesa della libertà religiosa, il sostegno alle comunità locali, la grande importanza dell’educazione per creare nuove generazioni capaci di dialogare tra loro, il ruolo della comunità internazionale.

Riguardo al primo punto, è stato sottolineato che il Medio Oriente ha un bisogno urgente di ridefinire il proprio futuro; è stata messa in risalto l’importanza di Gerusalemme come “capitale della fede” per le tre grandi religioni monoteiste ed è stata poi evidenziata la necessità di arrivare ad una soluzione dei conflitti israelo-palestinese e siriano. Di fronte alle violenze perpetrate dall’Isis, è stato ribadito che non si può uccidere in nome di Dio.

In relazione alla libertà religiosa è stato ribadito che la libertà di religione, insieme a quella di culto e di coscienza, è un diritto umano fondamentale, innato ed universale, un valore per tutta l’umanità. Accanto a tale diritto, si è sottolineata anche l’esigenza che ai cristiani siano riconosciuti tutti i diritti civili degli altri cittadini, soprattutto nei Paesi in cui attualmente la religione non è separata dallo Stato.

Riguardo, inoltre, al sostegno per le comunità locali della regione, è stato ribadito che un Medio Oriente senza cristiani sarebbe una grave perdita per tutti, poiché essi hanno un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’equilibrio della regione e per il grande impegno nel settore dell’educazione. E’ essenziale quindi incoraggiare i cristiani affinché restino in Medio Oriente e perseverino nella loro missione, anche perché essi hanno sempre contribuito al benessere dei Paesi in cui vivono.

In quest’ottica, una riflessione è stata fatta anche riguardo al problema della migrazione dei cristiani: essi devono trovano accoglienza nelle Chiese e negli Stati in cui emigrano con l’auspicio di avere anche strutture pastorali adeguate per i diversi riti. Inoltre, è stato richiesto di proseguire l’invio di aiuti umanitari in Medio Oriente, affinché i cristiani siano incoraggiati a restare sul posto e di coltivare le diverse manifestazioni di solidarietà possibili da parte delle Chiese di altri Paesi, anche con viaggi e pellegrinaggi.

Quanto all’educazione, è stato fatto notare come in molti Paesi mediorientali i libri di testo scolastici non parlino in modo positivo delle religioni differenti da quella di Stato e come sia necessaria una riflessione su questo punto da parte delle istituzioni locali. In quest’ottica, è stato auspicato il dialogo interreligioso con i musulmani, a partire dalla base comune della ragione, ed una viva cooperazione ecumenica, affinché tutte le Chiese del Medio Oriente facciano sentire una loro unica voce.

Alla comunità internazionale, in particolare, è stato richiesto di garantire, ai profughi cristiani, la possibilità di tornare quanto prima nelle loro case, attuando delle “zone di sicurezza”, ad esempio nella Piana di Ninive. Infine, è stato anche levato un appello per tutte le persone rapite in Medio Oriente, affinché il mondo non si dimentichi di loro.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione