Dona Adesso
Family

Pixabay CC0

La famiglia speranza per il mondo

Le edizioni Ares hanno pubblicato una collana di libri per riflettere sullo stato e sul futuro delle famiglie

Se si colpisce la famiglia si colpisce la società. Senza famiglie gli Stati non avranno più le loro fondamenta e la stessa Europa così come la conosciamo rischia di collassare con il declino demografico.

In questo contesto le chiese cristiane stanno cercando soluzioni per sostenere e mantenere unite le famiglie, papa Francesco ha invitato i vescovi in Vaticano a discutere in un Sinodo proposte e prospettive per la famiglia e sempre più numerosi acuti pensatori religiosi e laici stanno riflettendo sul tema.

Le Edizioni Ares hanno riunito alcuni autorevolissimi contributi in una collana che si offre a tutti come strumento di dibattito nell’intento di costruire un futura più bello e grande.

Tra gli autori, lo psicanalista Claudio Risé il quale riflette sulla svilimento dei ruoli genitoriali, rinvenendone il vulnus alla base del disimpegno politico e del rifiuto della Legge un tempo universalmente condivisa.

I cardinali Gerhard L. Müller ed Ennio Antonelli, nei loro due testi preparatori al Sinodo in corso, mostrano nella triade padre-madre-figli il riproporsi al più alto grado a livello umano dell’amore trinitario e spiegano perché, agli occhi di Dio, la vera famiglia è costruita sull’amore per sempre fra un uomo e una donna.

La neuropsichiatra Mariolina Ceriotti Migliarese che rilancia nei suoi saggi ancorati a casi concreti tutto il bello dell’esperienza di coppia e genitoriale, a partire dal riconoscimento dei difetti propri e altrui, fino a trasformarli in risorse per una serena vita insieme.

Infine, la pediatra statunitense Meg Meeker la quale dà consigli molto pratici su come rapportarsi ai figli, specialmente adolescenti, entrando nel merito se siano maschi oppure femmine.

Nella prefazione al libro La speranza della famiglia, scritto dal  Gerhard Ludwig Müller, in  altro cardinale Fernando Sebastián, ha scritto:

«Il principale problema, presente nella Chiesa a proposito della famiglia è il gran numero di battezzati che si sposano civilmente e degli sposati sacramentalmente che non vivono né il matrimonio né la vita matrimoniale in sintonia con la vita cristiana e gli insegnamenti della Chiesa, che li vorrebbe come icone viventi dell’amore di Cristo verso la sua Chiesa presente e operante nel mondo».

La famiglia fondata sul Matrimonio tra uomo e donna di fronte all’emergenza di altre forme di convivenza anche omosessuali, l’indissolubilità del sacramento, la possibilità o meno di dare la Comunione ai divorziati risposati… Sono questi alcuni dei temi che il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, collaboratore di Papa Francesco a sostegno della verità della Tradizione cristiana, offre in queste pagine pensate come suo autorevole contributo in preparazione al Sinodo sulla Famiglia attualmente in corso in Vaticano.

Nella prefazione al Libro Crisi del matrimonio & eucaristia, scritto dal cardinale  Ennio Antonelli, un altro cardinale Elio Sgreccia ha scritto: “Da questo libro emerge che il tesoro di dignità e di grazia che è stato consegnato alla Chiesa chiede di essere rafforzato e illustrato anche a beneficio di chi si trova in situazioni critiche o di fragilità: è aumentando la luce che si generano il rinnovamento e la forza per percorrere il cammino”.

Il testo affronta con chiarezza dottrinale tutti i «temi caldi» del dibattito sviluppato al Sinodo sulla Famiglia, dando punto per punto elementi di riflessione che delineano una prospettiva precisa sulla strada da percorrere: la coerenza e la perfettibilità della prassi pastorale autorizzata finora; la varietà delle proposte di cambiamento e le obiezioni contro di esse; l’incapacità della cosiddetta legge di gradualità a sug­gerire criteri generali per l’ammissione dei divorziati risposati e dei conviventi all’Eucaristia; il caposaldo dell’indissolubilità del matrimonio cristiano; il donarsi reciproco degli sposi in relazione alla validità del matrimonio; l’autenticità evangelica per la fecondità missionaria…

Nel libro La famiglia imperfetta – Come trasformare ansie & problemi in sfide appassionanti, la neuropsichiatra Mariolina Ceriotti Migliarese, ha spiegato: “È come se si fosse insinuata nella mente di tutti noi una profonda sfiducia nella nostra possibilità di prenderci cura adeguatamente dei nostri figli: se davvero il nostro ruolo è così delicato e importante come affermano gli psicologi, e se i nostri inevitabili errori possono determinare effetti così funesti, come possiamo deciderci a rischiare? Eppure, il bambino che nasce in risposta alla nostra disponibilità alla vita porta in dote qualcosa per noi: la fiducia assoluta che il cucciolo d’uomo ha in colui al quale viene affidato. Questa fiducia così totale, questo essere inermi e bisognosi di tutto, attiva in noi un desiderio di risposta. Ogni figlio che viene al mondo desidera e merita il miglior rapporto possibile proprio con quei genitori che gli sono toccati in sorte, e non con altri ipotetici genitori più perfetti… I nostri figli vogliono proprio noi, così imperfetti e in cammino come tutti siamo”.

 In un altro libro della Mariolina Ceriotti Migliarese, dal titolo La coppia imperfettaE se anche i difetti fossero un ingrediente dell’amore?, Claudio Risè invita alla lettura sostenendo che “quella della coppia, eroica nella sua necessaria imperfezione, esperta fornitrice di perdoni, è l’avventura umana, la nostra avventura. Che ci chiede coraggio, buonsenso, fantasia, qui prontamente e chiaramente forniti dalle narrazioni e notazioni puntuali dell’Autrice, moglie, madre, e terapeuta di straordinaria esperienza e sensibilità”.

Il corpo, Il sesso, La noia, Il senso di colpa, Innamorarsi/amare, Convivenza o matrimonio?, Diventare genitori, Il matrimonio è per sempre?, Genitori & figli, Il rapporto con le famiglie d’origine, Il perdono nella coppia… Nei rapporti di coppia spesso prevale un atteggiamento egocentrico, poco empatico, nel quale non siamo in grado di metterci nei panni dell’altro. Questo libro, rigoroso come un manuale e piacevole come un diario fresco e ricco di humour, svela gli aspetti cruciali che bisogna capire per «mettere in crisi» le crisi della coppia. Tutti si sentiranno, forse anche a sorpresa, interpellati. Un libro per tutti, perché curare è bene, prevenire è meglio.

E nel libro di Claudio Risè Il Padre. Libertà dono, il compianto professore Pietro Barcellona spiega che si tratta di “un testo coraggioso perché non solo propone la centralità della figura paterna nella formazione della persona libera da ogni coazione a ripetere, ma anche perché in controluce fornisce una diagnosi impietosa delle condizioni mentali, individuali e collettive della nostra epoca, …in cui i giovani abitano una terra di nessuno dove non ci sono più leggi né princìpi perché è venuta meno la riferibilità dei comportamenti a modelli normativi umani maschili e femminili che possono strutturare processi di trasformazione oltre il puro stadio pulsionale”.

“Serve un padre – afferma Risè – per differenziarsi dalla madre, per accettare le ferite e riconoscerne il senso, ed esprimere il proprio Sé. Entrando così personalmente nel tempo e nella storia”. Ma è ancora possibile essere ‘padre’ in Occidente, dopo 40 anni spesi a definirlo superfluo e a cancellarne anche per Legge la presenza o a renderla facoltativa?

Della figura del Padre ne parla anche la pediatra Meg Meeker nel libro Papà sei tu il mio eroe – 10 segreti per papà con figlie che crescono, l’autrice sostiene che la persona decisiva nella vita di una ragazza è Suo padre.

«Papà, vorrei che ti guardassi con gli occhi di tua figlia. E non solo per il suo bene, ma per il tuo, perché se riuscissi a vederti come ti vede lei, anche solo per dieci minuti, la tua vita non sarà più la stessa. Tua figlia si alza ogni mattina perché ci sei tu. Il centro del suo piccolo mondo sei tu. Amici, parenti, professori, docenti o tutor influiranno su vari livelli, ma non formeranno il suo carattere. Sarai tu a farlo. Perché sei il suo papà. Essere un eroe per tua figlia può sembrarti una cosa terribilmente difficile, ma in realtà può essere davvero facile. Significa semplicemente essere un papà…».

Della stessa autrice il libro: BOYS – 7 segreti per crescere i figli maschi, spiegando: “Ho immaginato questo libro pensandolo come una sorta di «Il pericoloso libro delle cose da veri genitori”. Avevo in mente il best seller Il pericoloso libro delle cose da veri uomini, zeppo di divertenti informazioni e progetti che i ragazzi adorano e che molti di noi abbiamo cercato di proibire loro. Case sugli alberi? Troppo pericolose: i ragazzi potrebbero cadere e rompersi le ossa. Insetti e ragni? Che schifo! E chi mai insegnerebbe loro a cacciare, a costruirsi arco e frecce, a rivivere le grandi battaglie della storia? Siamo mica matti? Eppure le cose che piacciono ai ragazzi sono queste, e non c’è nulla di male”.

 

 

 

 

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione