Dona Adesso
A cheese wheel gets fire-branded with the logo of the Grana Padano Consorzio

WIKIMEDIA COMMONS

L’agroalimentare e lo sviluppo sostenibile

Al Meeting di Rimini, il ministro Martina a confronto con gli operatori del settore

Expo 2015 e il suo tema Nutrire il pianeta, energia per la vita sono una sfida globale. Ottocento milioni di persone soffrono la fame e tra di loro 180 milioni sono bambini. Due miliardi d’individui patiscono deficienze di alimentazione e altrettanti sono invece sovrappeso; mangiano troppo e male.

In questo panorama riflettere sull’agricoltura, sui suoi modelli, sul valore e sul significato di termini come “sostenibilità” e “organizzazione della filiera agroalimentare” diventa essenziale per affrontare il problema.

La sfida lanciata da Expo coinvolge in prima persona anche l’agricoltura del nostro Paese e i suoi attori. Di questo si è discusso durante l’incontro di settore Risorse, alimentazione e sviluppo sostenibile, organizzato e moderato da Camillo Gardini, presidente di CdO agroalimentare, cui hanno preso parte, oltre al ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, il docente universitario di Economia del territorio Franco Sotte, il presidente di Federunacoma Massimo Goldoni, Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi e Stefano Berni direttore del Consorzio Grana Padano.

Interventi tecnici di settore molto approfonditi, come ha illustrato il professor Sotte, che ha messo in guardia contro letture “bucoliche o nostalgiche” della filiera, ricordando che nel concetto di sostenibilità è insito anche il contenuto della redditività di lavoro e prodotti, oltre che di un’efficiente coordinamento tra gli attori del comparto. Ciò non significa che in questo campo il nostro Paese non possa offrire esperienze, buone pratiche e case history di successo. Una di queste è il consorzio Grana Padano. “Abbiamo 200 soci – ha spiegato Stefano Berni – raccogliamo il lavoro di 136 caseifici della pianura padana e lo scorso anno abbiamo prodotto grana per dieci miliardi di euro, il 70% destinato all’export, e offriamo lavoro a 40 mila addetti .

“Strumento essenziale del nostro lavoro è la dop (denominazione d’origine protetta) che qualifica il prodotto italiano in tutto il mondo”, ha aggiunto l’ad di Grana Padano . Non è cosa da poco visto che i cibi italian sounding vendono in tutto il mondo per miliardi di euro, anche se sono degli autentici falsi, peraltro di bassa qualità.

Massimo Goldoni, presidente dell’associazione di categoria, un altro successo arriva dal comparto delle macchine agricole. “Siamo i secondi produttori al mondo dopo gli Usa”, ha dichiarato, specificando che i Paesi emergenti come India, Brasile, Cuba, Cina sono i mercati a cui dobbiamo guardare per mantenere la nostra leadership nel settore. “Lo faremo a patto di utilizzare driver quali ricerca, innovazione, sviluppo dei prodotti e ottenere una diminuzione del peso e della lentezza della burocrazia”, ha aggiunto Goldoni.

Il presidente Federico Vecchioni ha presentato invece un’esperienza senza precedenti per l’agricoltura tricolore. “Bonifiche Ferraresi – ha spiegato Vecchioni – è un’azienda nata nel 1857, abbiamo terreni per seimila ettari, un unicum in un paese dove la maggior parte dell’agricoltura è a conduzione familiare e su superfici molto più basse. Siamo così in condizione di confrontarci con i grandi player francesi e dell’Est Europa. Soprattutto siamo i soli nell’agricoltura a essere quotati in borsa”.

Vecchioni ha concluso, ricordando  che fino all’anno scorso eravamo di proprietà della Banca d’Italia che ha deciso di mettere in vendita la maggioranza del suo pacchetto azionario. Siamo riusciti a trovare acquirenti italiani e non esteri. Per la prima volta fondi e investitori del nostro Paese hanno guardato all’agricoltura, a riso, cereali, erbe officinali, non come semplici commodities ma come concreta opportunità d’investimento e profitto”. 

Ha poi chiuso il convegno il ministro Martina, rimarcando il concetto di  filiera, dove grandi e piccoli produttori devono trovare modo di collaborare e dialogare costantemente. “Uno dei nostri obiettivi è legare e coordinare produttori, trasformatori e distributori. È necessario essere e fare sistema – ha ricordato Martina – solo in questo modo si può affrontare un mercato internazionale sempre più competitivo, all’interno del quale anche altri Paesi, a Expo lo vediamo ogni giorno, si sono posti l’obiettivo della qualità dei prodotti e si stanno avvicinando sempre di più a quella abitualmente riconosciuta al marchio Italia. Dobbiamo innovare e rimanere al passo con i tempi, perché parliamo di un comparto che ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con un export pari a 18 miliardi di euro”.

About Marcello Amoroso

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione