Dona Adesso

L’agenda del Papa da aprile a giugno

Tra gli impegni: l’assemblea generale di Caritas Internationalis, la canonizzazione di quattro Beate, il viaggio a Sarajevo e Torino, la visita alla parrocchia Santa Maria Regina Pacis di Ostia

È fitta di impegni l’agenda di Papa Francesco per i mesi di aprile, maggio e giugno, come si evince dal calendario delle celebrazioni presiedute dal Pontefice, pubblicato oggi dal maestro delle Celebrazioni liturgiche pontificie mons. Guido Marini.

Il primo appuntamento è il 26 aprile, con la Messa per le ordinazioni presbiteriali, nella Basilica Vaticana, alle 9.30. Il 3 maggio, invece, il Santo Padre si recherà nuovamente in visita pastorale in una parrocchia romana. Si tratta di “Santa Maria Regina Pacis” di Ostia, dove il Papa arriverà dalle ore 16.

Martedì 12 maggio, Francesco celebrerà una Messa, alle 17.30, per l’apertura dell’assemblea generale della Caritas Internationalis. Mentre il 17 maggio, domenica, in Piazza San Pietro, alle ore 10, presiederà la funzione per la canonizzazione di quattro Beate: Giovanna Emilia De Villeneuve; Maria Cristina dell’Immacolata Concezione Brando; Maria Alfonsina Danil Ghattas; Maria di Gesù Crocifisso Baouardy.

Si arriva poi alla Pentecoste, il 24 maggio, con la Messa nella Basilica di San Pietro alle 10, e al 4 giugno, Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, che il Pontefice celebrerà in Piazza San Giovanni in Laterano. Seguirà la tradizionale processione a Santa Maria Maggiore e la Benedizione eucaristica.

Il mese di giugno sarà caratterizzato invece da due viaggi: sabato 6, a Sarajevo, e il 21 e 22 a Torino per l’Ostensione della Sacra Sindone e il bicentenario di San Giovanni Bosco.

Infine, sabato 27, il Papa terrà il Concistoro per alcune Cause di Canonizzazione. Due giorni dopo, il 29 giugno, celebrerà la Santa Messa per la Solennità dei Santi Pietro e Paolo, alle 9.30 in Basilica, durante la quale si terrà la benedizione dei Palli per i nuovi metropoliti.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione