Dona Adesso
Arabic Jesus

WIKIMEDIA COMMONS

Kurdistan. Cristiani e musulmani celebrano la “giornata della tolleranza”

La conferenza è servita a ribadire la necessità di tutelare e garantire, con appropriati strumenti legislativi, la convivenza civile tra gruppi etnici e religiosi 

Una “Giornata della tolleranza” è stata celebrata a Erbil, capitale del Kurdistan iracheno, giovedì 19 novembre, su iniziativa di organismi locali e internazionali, a partire dalla missione Onu in Iraq. Il meeting, svoltosi nella sala conferenze Abdullah, è stato scandito da interventi e relazioni incentrati sulla promozione del rispetto e del dialogo tra fedi religiose e culture differenti, come antidoto alla convulsioni e ai conflitti settari che stanno dilaniando il Medio Oriente.

Tra gli altri – informa Fides – hanno partecipato all’incontro anche mons. Bashar Warda C.SS.R., arcivescovo Caldeo di Erbil, e Nechirvan Barzani, primo ministro della regione autonoma del Kurdistan iracheno, insieme a un folto gruppo di parlamentari e di leader delle comunità cristiane e islamiche della regione. 

La conferenza è servita a ribadire la necessità di tutelare e garantire, con appropriati strumenti legislativi, la convivenza civile tra gruppi etnici e religiosi e la priena uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, combattendo nel contempo le derive settarie attraverso la cura dell’educazione impartita nelle scuole alle giovani generazioni.   

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione