Dona Adesso
Italian medical doctor Rita Fossaceca (C)

ANSA

Kenya: ucciso medico italiano durante una rapina

Rita Fossaceca, 51 anni, tra le principali collaboratrici dell’associazione internazionale For Life Onlus, è stata assassinata ieri sera. Feriti altri tre italiani

A due giorni dalla visita del Papa e dai suoi appelli di pace, una tragedia è avvenuta in Kenya. Un medico di Novara, Rita Fossaceca, 51 anni, è stata uccisa nel corso di una rapina avvenuta ieri sera. Altri tre italiani sono rimasti feriti. Radiologa, molisana, nata a Trivento, in provincia di Campobasso, la vittima era responsabile della struttura complessa di radiologia dell’ospedale Maggiore di Novara ed era una delle principali collaboratrici dell’associazione umanitaria internazionale For Life Onlus. I feriti sono: Giovanni Fossaceca, il padre della dottoressa e due infermiere, sempre del nosocomio novarese, Monica Zanellato e Paola Menchini, partite con lei due settimane fa per la missione.  

Ancora si indaga sull’accaduto. Secondo le ultime informazioni rese note dall’associazione For Life, la dottoressa sarebbe stato uccisa da un colpo di pistola mentre cercava di proteggere la madre, assalita con un machete dai banditi che avrebbero fatto irruzione armi in pugno nell’abitazione che la donna condivideva con gli altri italiani.  

Il medico si trovava da un paio di settimane in Kenya, dove l’associazione sostiene l’orfanotrofio di Mijomboni, che ospita una ventina di bambini. Non era la sua prima esperienza da volontaria in Africa.  “Siamo costernati, senza parole – scrive l’associazione For Life onlus sul sito ufficiale -. A volte succedono cose inspiegabili. La dottoressa Rita Fossaceca non c’é più, ha dato tutta se stessa per l’orfanotrofio e l’infermeria di Mijomboni. Vittima, ha pagato con la vita il suo grande amore per i bambini. Rita siamo tutti con te, il nostro pensiero va anche agli altri 5 volontari che sono ancora in Kenya e speriamo tornino presto. Grazie a tutte le persone che ci sono vicine in questo momento”. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione