Dona Adesso
Syrian refugees at the border of Hungary and Austria on their way to Germany. Hungary

WIKIMEDIA COMMONS

Italia: meno immigrati ma crescono i rifugiati

Secondo i dati della Fondazione Migrantes relativi al 2015, il flusso dal sud del Mediterraneo si sta spostando verso la Grecia e la Turchia

African Migrants Crossing the Mediterranean

È ancora a livelli altissimi ma al di sotto dei numeri del 2014 (-9%), l’immigrazione in Italia nel corso dell’anno appena trascorso. Da 170.100, gli immigrati giunti sul nostri suolo sono scesi infatti a 153.842.

Lo rivelano dati statistici forniti dalla Fondazione Migrantes, secondo i quali si riscontra anche un cambiamento di rotta, specie per chi proviene dal Medio Oriente, dal Corno d’Africa e dall’Asia, sempre più propenso a giungere alla sponda nord del Mediterraneo, passando per la Turchia o per la Grecia, che hanno accolto in un anno oltre 850mila persone. Per ogni persona sbarcata in Italia, cinque ne sono barcate in Grecia.

Lampedusa continua ad essere il primo porto di sbarco (168 sbarchi, per 21.160 persone), seguito da Augusta (146 e 22.391), Pozzallo (104 e 16.811), Reggio Calabria (90 e 16.931), Catania (64 e 9.464), Palermo (61 e 11.456), Trapani (55 e 8.136) e Taranto (45 e 9.160).

La larghissima maggioranza dei migranti arriva dalla Libia (85%), seguita ad ampissima distanza dall’Egitto (8%), con poche migliaia di migranti arrivati dalla Grecia o dalla Turchia.

Diminuiscono i migranti dal Medio Oriente e dall’Africa settentrionale, mentre aumentano quelli dall’Africa sub sahariana. I provenienti dall’Eritrea sono stati 38.612 (+10% rispetto all’anno scorso), quelli dalla Nigeria 21.886 (+110%), dalla Somalia 8.909 (triplicati rispetto al 2014).

Scende il numero dei siriani (7.444, sei volte in meno rispetto allo scorso anno), degli egiziani (2.594, contro i 4.095 dell’anno scorso) e dei palestinesi (1.650 contro i 6.017 dell’anno scorso).

Le persone sbarcate sono in prevalenza uomini (circa 115.000), ma cresce del 15% il numero delle donne (oltre 20mila), mentre i minori non accompagnati sono stati oltre 15mila, di cui 4.000 parte di un nucleo familiare. A ciò ci aggiungono quasi 6000 minori irreperibili.

Crescono del 40% le richieste d’asilo, misurate nel numero di 82.940, rispetto alle 64.689 del 2014.

La regione che ha accolto più immigrati è la Lombardia (13.480), seguita da Sicilia (12.373), Lazio (8.232), Campania (8.034), Piemonte (7.933), Veneto (7.922), Emilia Romagna (6.493) e Puglia (5.839).

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione