Dona Adesso
Children at school

Pixabay CC0

Israele: torna il sereno tra le scuole cattoliche

Archiviata la protesta, gli istituti paritari hanno ricevuto dal governo alcune agevolazioni

Dopo lo sciopero contro i tagli governativi, oltre 30mila studenti delle scuole cattoliche israeliane sono tornati in classe. Contemporaneamente il vicario patriarcale a Gerusalemme, monsignor Giacinto-Boulos Marcuzzo e il direttore generale del Patriarcato, padre Faysal Hijazin, hanno incontrato gli studenti, rilevando “un clima di entusiasmo e buonumore”.

L’incontro avviene al termine di circa un mese di protesta contro la statalizzazione degli istituti paritari, i quali hanno subito una riduzione delle sovvenzioni, fino alla copertura di appena il 29% delle spese. Al tempo stesso, il governo aveva posto un limite alle rette che le scuole possono ricevere dalle famiglie.

Al termine della trattativa tra governo e scuole cattoliche, l’esecutivo si è impegnato a versare una prima rata di 50 milioni di shekels (50 miliardi di euro) per l’anno accademico 2015-16, annunciando anche l’annullamento del taglio al budget in vigore dal 2013.

Gli studenti avranno il diritto al tempo pieno e gli insegnanti verranno pagati per i corsi di aggiornamento, le malattie e i permessi speciali. Una speciale Commissione sarà istituita per dirimere le controversie tra le parti.

A conclusione dei suoi auguri di buon inizio d’anno scolastico, monsignor Marcuzzo ha chiesto la diffusione nelle scuole dei principi ispirativi dell’enciclica Laudato Si’.

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione