Dona Adesso

Iraq: l’Isis sequestra circa 100 bambini

I piccoli sono tenuti in ostaggio all’interno di un orfanotrofio, a Mosul. Altre 700 persone rapite e forse uccise a Falluja

I miliziani dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) hanno sequestrato circa cento bambini all’interno di un orfanotrofio di Mosul. La nuova agghiacciante notizia è stata diffusa dal sito di informazione curdo Rudaw, il quale specifica che l’istituto si chiama Dar al-Baraim ed è situato nel quartiere Zuhir. Si tratta di circa 45 bambini della minoranza yazida e di una cinquantina di sciiti.

La stessa fonte riferisce che i bambini sono stati radunati nell’orfanotrofio dai miliziani dopo aver occupato la città di Talafar a giugno e di Shingal ad agosto. Intorno al luogo avviene costantemente un’attenta sorveglianza da parte di sei miliziani.

Le notizie drammatiche non finiscono qui. I jihadisti dello Stato islamico hanno infatti rapito oltre 700 persone dopo la conquista di Falluja. Lo ha rivelato il consiglio provinciale di al-Anbar nell’Iraq occidentale spiegando che tra i rapiti ci sono impiegati civili e membri delle forze di sicurezza. “L’Isis ha preso di mira tutti gli impiegati civili dei dipartimenti di governo a Falluja”, ha detto l’esponente dell’Amministrazione di Falluja Hamid al-Alwani al sito di Shafaq News. Al-Alwani ha poi aggiunto che “l’Isis ha gettato i corpi di molte persone di Falluja nel fiume Eufrate dopo averli torturati perché si opponevano alla presenza delle bande dei jihadisti”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione