Dona Adesso

Indonesia: inaugurata a Java centrale la statua della Madonna più alta del mondo

La statua celebra il 61° anniversario del santuario di “gua Maria” (la grotta di Maria) di Ambarawa. Circa 30mila fedeli alla Messa di inaugurazione

Almeno 30 mila persone, provenienti da centinaia di parrocchie, si sono radunate domenica a “gua Maria” (la grotta di Maria) di Ambarawa per la benedizione della statua dedicata alla Madonna più alta al mondo. I fedeli – riporta l’agenzia AsiaNews – hanno così festeggiato il 61° anniversario del santuario mariano, il secondo per importanza dello Java centrale. Sette vescovi hanno presieduto la Messa, insieme a 15 sacerdoti dell’arcidiocesi di Samarang. Conclusa la funzione, l’arcivescovo Johannes Pujasumarta, utilizzando una gru, ha cosparso di acqua benedetta la statua di Santa Maria Assunta, alta 42 metri.

Il monumento, che sorge nei pressi del santuario, è stato progettato da tre scultori religiosi locali, Kuncoro (45), Adi Nugroho (40) e Agung Hartanto (38), un trio famoso per avere ideato decine di statue a tema religioso in tutto il Paese. I pellegrini sono stati molto più di quelli previsti dagli organizzatori, tanto che la distribuzione dei sacramenti è stata possibile solo per 20mila persone e le confezioni di cibo preparate erano solo 6mila.

Una settimana prima della celebrazione, l’arcivescovo di Samarang e padre Aloysius Budi Purnomo, presidente della commissione interreligiosa dell’arcidiocesi, hanno organizzato a “gua Maria” un incontro con autorità interreligiose. Al convegno, sostenuto anche da tutti i partiti politici del governo di Ambarawa, hanno partecipato anche alcuni leader musulmani insieme ai loro studenti, che hanno compiuto una danza sufi all’ombra della statua dell’Assunta.

In una dichiarazione pubblica, il vescovo ha ringraziato coloro che hanno permesso che “decine di autorità di tutte le religioni si ritrovassero insieme una settimana prima dell’inaugurazione della statua dell’Assunta. Il governo locale di Ambarawa ha incoraggiato i cittadini ad accogliere le migliaia di pellegrini che verranno a visitare Gua Karep Ambrawa nei prossimi giorni”. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione