Dona Adesso
Image of Blessed Chiara Luce Badano in Sassello's Basilica

WIKIMEDIA COMMONS

India: una chiesa dedicata a Chiara Luce Badano, “esempio e ispirazione” per i giovani

La decisione presa da mons. Chirayath, vescovo di Sagar. Alla celebrazione presenti i genitori che a Mumbai riceveranno poi un premio intitolato al figlia dall’’associazione “Jesusfriends4u” 

Una bella notizia giunge dall’India: il 25 settembre sarà inaugurata a Sironi, vicino Bhopal, nello stato indiano del Madhya Pradesh, la prima chiesa intitolata alla beata Chiara ‘Luce’ Badano, la giovane focolarina italiana morta all’età di 18 anni per un tumore osseo e proclamata beata il 25 settembre 2010 da Benedetto XVI, che ha riconosciuto le sue virtù eroiche e la sua opera instancabile a favore dei poveri, nonostante i dolori della malattia di cui soffriva. 

Lo rende noto AsiaNews, informando che mons. Anthony Chirayath, vescovo della diocesi siro-malabarese di Sagar consacrerà la nuova chiesa insieme ai genitori di Chiara, Maria Teresa e Ruggero, arrivati dall’Italia per l’occasione su invito del vescovo. Essi saranno accompagnati da Chicca Coriasco – la migliore amica della Beata – e da suo fratello Franz, che ha scritto la biografia di Chiara, nominata ‘Luce’ dalla fondatrice del Movimento, Chiara Lubich.

La chiesa di Sironi viene intitolata alla Beata per espressa volontà di mons. Chirayath, che ha appreso della vita di Chiara Luce durante uno dei suoi viaggi in Italia. Avendo in mente la numerosa popolazione giovanile che risiede nella cittadina indiana per frequentare le prestigiose scuole inglesi del distretto, il vescovo di Sagar ha intuito che la vita della ragazza potesse fungere da “esempio e ispirazione per gli studenti”.

Alla celebrazione sono attesi circa 1000 partecipanti tra sacerdoti, religiosi, seminaristi, insegnanti, studenti liceali e giovani focolarini di Mumbai e Delhi, che stanno preparando rappresentazioni artistiche per festeggiare l’evento. Saranno presenti anche moltissimi giovani studenti dei licei locali. 

Dopo l’inaugurazione della chiesa, i genitori e gli amici di Chiara ‘Luce’ incontreranno a Mumbai alcuni membri del movimento cattolico, desiderosi di esprimere la loro gratitudine per la “testimone di amore e unità”. Sempre a Mumbai incontreranno anche il gruppo giovanile “Jesusfriends4u”, fondato sull’esempio di vita della ragazza, che consegnerà ai coniugi Badano il primo premio dedicato alla figlia, l’Effective Parenting Award.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione