Dona Adesso

Pixabay - 00

India: si aggrava il bilancio dell’esplosione nel tempio Puttingal

112 morti e oltre 350 feriti nell’incendio. I fuochi pirotecnici sarebbero stati avviati nonostante il divieto della Corte Suprema

Sale a 112 morti e oltre 350 feriti, il bilancio dell’incendio avvenuto nella notte di domenica, nel tempio Puttingal di Paravur, in Kerala. L’esplosione si è verificata quando il tempio era affollato di circa 15mila pellegrini, che stavano festeggiando l’inizio del nuovo anno indù.

Intorno alle 3.10, ora locale, mentre i fedeli assistevano ai fuochi pirotecnici, il Kambapuram ha preso fuoco, finendo in pochi minuti avvolto dalle fiamme e implodendo su stesso: tutte le persone che si trovavano all’interno del capannone, sono quindi rimaste seppellite dal crollo della struttura.

Alcune delle vittime sono risultate completamente sfigurate e soltanto attraverso l’esame del DNA sarà possibile il loro riconoscimento.

Il premier Narendra Modi si è recato prima sul luogo della sciagura, poi in ospedale dai feriti, dove ha commentato: “Tutto questo è straziante e scioccante”.

L’amministrazione del tempio è ora nell’occhio del ciclone, essendo stato, secondo la stampa indiana, a conoscenza dei pericoli legati alla sicurezza della manifestazione. Lo spettacolo pirotecnico era stato infatti avviato nonostante il divieto di fuochi d’artificio sancito dalla Corte Suprema dopo le 10 di sera.

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione