Dona Adesso

Facebook

India: anche i protestanti pregano per la liberazione di padre Tom

Grande partecipazione di tutte le religioni alla veglia a sostegno del salesiano rapito nello Yemen

È stata una vera e propria preghiera ecumenica ed interreligiosa quella svoltasi lo scorso fine settimana in India per la liberazione di padre Tom Uzhunnalil, il missionario salesiano rapito il 4 marzo 2016 in Yemen.

Numerose le personalità cristiane che hanno aderito alla veglia. Tra queste il reverendo Thomas Jacob, pastore della Chiesa di Santo Stefano a Bandra, nel Nord dell’India. “Abbiamo pregato perché padre Tom Uzhunnalil possa essere presto libero e al sicuro – ha dichiarato il reverendo Thomas ad Asia News -. Possa Dio garantirgli la salute. Noi preghiamo perché possa tornare a casa presto e in tutta sicurezza. Preghiamo anche per i suoi rapitori, per un cambio dei loro cuori e la loro trasformazione”.

Nel videomessaggio diffuso sul web a fine dicembre, padre Tom dichiarava la propria identità ed affermava di “aver bisogno urgente di cure mediche in ospedale”. Successivamente spiegava che i suoi sequestratori avevano provato a mettersi in contatto con le autorità politiche indiane – a partire dal Presidente della Repubblica e dal Primo Ministro – ma senza successo.

Padre Tom è stato rapito lo scorso marzo ad Aden da un commando jihadista, durante lo stesso blitz in cui sono state assassinate 12 persone in una casa di riposo per malati e anziani: tra le vittime 4 suore missionarie della Carità, che gestivano la struttura.

La giornata di preghiera per il salesiano rapito si è tenuta nel giorni di sabato 21 e domenica 22 gennaio, per impulso del cardinale Baselios Cleemis, presidente della Conferenza Episcopale Indiana. Momento culminante è stata la fiaccolata dalla cattedrale di Santa Maria a Trivandrum (Kerala).

Tutta la chiesa indiana è in apprensione per le sorti del sacerdote, per il quale hanno lanciato l’appello le principali autorità di Delhi, dal primo ministro al ministro degli Esteri.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione