Dona Adesso

Il segreto di un’esistenza riuscita è “amare e donarsi per amore”

Prima di congedarsi dall’aeroporto di Tirana, il Papa incontra i bambini e gli operatori del Centro Betania, promosso da laici cattolici in favore dei piccoli bisognosi

Il Centro Betania in Albania è stato fondato dalla signora Antonietta Vitale, un anno dopo quello di Verona. Un’altra Antonietta ha accolto il Papa oggi a nome della struttura, raccontando come grazie a diversi benefattori il Centro abbia assistito, educato e formato centinaia di bambini che non avevano nulla. L’operatrice ha anche sottolineato che grazie ai volontari, “madri e padri hanno offerto il loro tempo, le loro professionalità, la loro umanità per curare, assistere, educare, formare bambini poveri e abbandonati”. Perché “fin dalla posa della prima pietra del Centro – ha soggiunto – l’unico obiettivo è stato quello di servire Cristo e fare tutto nel suo nome”.

Subito dopo è intervenuto Mirjan, un bambino abbandonato dal padre che ha vissuto in grande povertà insieme alla mamma, finchè nel 1999 ha incontrato gli operatori del Centro. Era scioccato di vedere persone che lo aiutavano pur senza conoscerlo, ha detto il giovane. Tramite la carità ha conosciuto Gesù. Si è quindi battezzato, ha preso il nome di Paolo, ha studiato al liceo ed ora è iscritto in una Università in Italia. “Voglio ringraziare tanto Dio e tutte queste persone che come padri e madri mi hanno amato come se fossi un loro figlio e per 15 anni si sono sacrificate anche per me”, ha detto Mirjan.

Ha preso quindi la parola il Papa, ringraziando anzittutto i diversi volontari del Centro per la testimonianza di fede che si fa “carità concreta”, che porta “luce e speranza in situazioni di grave disagio” “Questa fede che opera nella carità – ha sottolineato il Santo Padre – smuove le montagne dell’indifferenza, dell’incredulità e dell’apatia e apre i cuori e le mani a compiere il bene e a diffonderlo”.

Il Centro, ha poi aggiunto, “testimonia che è possibile una convivenza pacifica e fraterna tra persone appartenenti a differenti etnie e a diverse confessioni religiose. Qui le differenze non impediscono l’armonia, la gioia e la pace, anzi diventano occasione per una più profonda conoscenza e comprensione reciproca”.

Tutti, poi, concorrono a un premio che è “il bene”, premio fine a sé stesso che “ci avvicina a Dio, Sommo Bene. Ci fa pensare come Lui, ci fa vedere la realtà della nostra vita alla luce del suo disegno d’amore su ciascuno di noi, ci fa assaporare le piccole gioie di ogni giorno e ci sostiene nelle difficoltà e nelle prove”.

“Il bene – ha sottolineato Francesco – paga infinitamente di più del denaro, che invece delude, perché siamo stati creati per accogliere l’amore di Dio e donarlo a nostra volta, e non per misurare ogni cosa sulla base del denaro o del potere”.

Le parole di Mirjan quando ha detto che al Centro “da 15 anni si sacrificano con gioia per amore di Gesù e amore nostro”, sintetizzano tutto questo. Questa frase, ha evidenziato il Santo Padre, “rivela come il donarsi per amore di Gesù susciti gioia e speranza, e come il servire i fratelli si trasformi nel regnare insieme a Dio”.

Per il Pontefice il segreto di un’esistenza riuscita è “amare e donarsi per amore” fino al punto di trovare la forza per “sacrificarsi con gioia”. Questo significa “realizzare pienamente la propria libertà”, ha assicurato. E ha concluso incoraggiando a continuare “con fiducia a servire nei poveri e negli abbandonati il Signore Gesù e a pregarlo perché i cuori e le menti di tutti si aprano al bene, alla carità operosa, fonte di gioia vera e autentica”.

Per leggere il discorso del Papa per intero si può cliccare qui.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione