Dona Adesso

Il santuario di Santa Rosalia aperto anche di notte

L’Opera “Don Orione” lancia una settimana di festeggiamenti per il ritrovamento delle reliquie della patrona di Palermo

In occasione dell’anniversario per i 390 anni del Ritrovamento delle reliquie di Santa Rosalia nella grotta sul Montepellegrino, quest’anno l’Opera “Don Orione”, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Palermo, ha predisposto una serie di appuntamenti che culmineranno domani, nel giorno della morte di santa Rosalia (circa 1130-1170 c/a), alla presenza dell’arcivescovo del capoluogo siciliano, il cardinale Paolo Romeo.

Per celebrare la ricorrenza domani, giovedì 4 settembre 2014, e per tutti i sabati di settembre, il Santuario dedicato alla Santa rimarrà aperto, oltre che tutto il giorno, anche la notte per i ricevere i pellegrini impegnati nella famosa acchianata al Montepellegrino.

Il programma vedrà questa sera alle ore 20 la partenza dei pellegrini dalle falde di monte Pellegrino fino al santuario grazie alla collaborazione dell’Azione Cattolica diocesana.

Alle 22.30 e alle 24 sarà celebrata la santa Messa. Domani alle ore 10 il cardinale Paolo Romeo, presiederà il solenne pontificale a Montepellegrino.

Domenica 7 settembre, invece, si svolgerà una celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo ausiliare, monsignor Carmelo Cuttitta. Al termine della messa saranno benedette le coppie di fidanzati. Sabato 13 settembre, è invece prevista la benedizione dei pellegrini podisti, ciclisti e motociclisti che si recheranno al santuario diocesano.

“Quello che lega i palermitani a Santa Rosalia – dichiara don Gaetano Ceravolo, Reggente del Santuario di Montepellegrino – è un legame viscerale. Qui la Santa, infatti, è considerata un membro della famiglia al punto che la chiamano tutti la Santuzza. Ci aspettiamo di ricevere migliaia di pellegrini e per questo abbiamo deciso, per permettere a tutti di prendere parte a questa importante ricorrenza, di tenere aperte le nostre porte anche di notte per i sabati di settembre”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione